Come giocare a poker riducendo lo svantaggio rispetto all’avversario


Premessa sul gioco di abilità del poker, digitale e live

Come abbiamo imparato, il gioco di poker si basa principalmente sulle qualità e quelle che vengono considerate le abilità del gambler, professionista o meno. Per questo motivo prima di approcciarsi al gioco del poker è caldamente consigliato fare esperienza. In più visto che oggi è possibile accedere con estrema facilità a un sito di poker online, si consiglia di praticare il gioco in modo consapevole e responsabile. Pur essendo considerato a tutti i livelli uno skill games, ci sono comunque elementi che possono trascendere da questi fattori e avere un effetto psicologico ed economico, con conseguenze spesso poco piacevoli. Pertanto questo articolo si assume l’onere di dare un punto di vista il più possibile oggettivo e non fazioso sul tema del gioco e del poker. Nello specifico andiamo ad analizzare e a studiare quando è possibile eseguire un all in poker, in ogni variante e specialità di questo classico gioco da casinò e da tavolo verde.

Ora, durante questi ultimi 15 anni abbiamo potuto constatare come la popolarità del gioco del poker è passata attraverso l’hype e il boom mediatico della variante del Texas Hold’em.

Il successo e i meriti del Texas Hold’Em per la divulgazione del poker

Non è un caso se il poker texano è considerato dai più come il modello vincente su cui anche oggi è il caso di insistere. Non solo per quel che riguarda il contesto delle sale da poker online, da torneo o in formato cash. Il nella versione texana questo gioco propone un gameplay veloce, secco e avvincente. Proprio per quanto motivo potrebbe capitare di assistere a una situazione da o dentro o fuori, dettata appunto dallo stile di gioco aggressivo di certi pokeristi esperti. Come abbiamo visto durante tante partite di torneo e delle WSOP, al tavolo finale c’è un momento in cui il giocatore esperto decide di chiudere la mano facendo all in.

Andare all in: alcuni suggerimenti da seguire

Per quanto concerne la possibilità del nostro sfidante di andare all in, l’aspetto più importante in assoluto sono i pot-odds. L’idea di base da tenere a mente è che non abbiamo bisogno di avere le statistiche dalla nostra parte per vedere l’all-in di un nostro avversario.Ci sono già un po’ di fiches nel piatto, per cui da un punto di vista matematico è giusto vedere un all-in anche se siamo sfavoriti. Se ci sono tante chips nel pot, non è un problema essere nettamente sfavoriti. Se invece ci sono davvero poche fiches, è fondamentale essere soltanto leggermente sfavoriti nel fare call.Per chi desidera iscriversi ai tornei di poker, il tutto a volte può essere un pochino diverso. È possibile avere le pot-odds su un call, ma quest’ultimo alla fine potrebbe rivelarsi una scelta sbagliata. In effetti nel gioco del poker, nonostante le strategie e il modo di giocare accorto e ponderato, tutto si riduce ad avere freddezza nel momento in cui la posta in gioco aumenta. Durante un torneo o con una partita semplice, il poker ci mette davanti a un bivio. Possiamo quindi prendere o lasciare la mano.

Considerazioni finali

Per questo motivo avere il quadro della situazione sotto controllo potrebbe rivelarsi il vero asso nella manica, per il giocatore riflessivo. Ogni giocatore ha il suo stile, sapendo bene che dagli errori si può imparare. Per questo motivo anche i giocatori più esperti e conosciuti, nel contesto del poker professionistico, hanno affermato che andare all in, durante una mano di poker debba essere una scelta ben bilanciata. Non si tratta solo di perdere e di uscire dal gioco, ma di rimanere scottati, che è ancora peggio. Per fare un esempio è come quando un grande calciatore sbaglia il rigore durante la finale dei Mondiali. Serve tempo testa e volontà per uscirne, seppur sconfitti. Naturalmente nel poker è tutto legato ai soldi e alla probabilità di vittoria della posta in gioco. Eppure ogni vero giocatore sa bene che ci sono altri elementi da valutare a parte la posta in gioco. Proprio per questo motivo si consiglia sempre di effettuare un gioco responsabile e nei limiti delle nostre possibilità e risorse. Durante le partite di torneo tuttavia il rischio aumenta e in certi casi andare all in è una scelta obbligata per fare un upgrade e salire di livello, specialmente contro giocatori ostinati e aggressivi, si consiglia di ponderare bene le nostre soluzioni.

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24