Coronavirus. Abe says Japan aims to approve Avigan as coronavirus treatment


Prime minister also promises ‘unprecedented’ stimulus measures

Prime Minister Shinzo Abe

TOKYO — Prime Minister Shinzo Abe on Saturday said his government will compile Japan’s “boldest ever” package of economic measures to address the impact of the new coronavirus, while also pushing for quick approval of the flu drug Avigan as a treatment for the infected.

“We are on the brink,” Abe said at a news conference, referring to the possibility of an explosion of COVID-19 cases in Japan after 63 new infections were confirmed in Tokyo the same day — the highest number to date.

He stressed Japan must ready for a “long-term battle” to keep COVID-19 from surging out of control and overwhelming health care systems as it has done in other countries and regions. Still, he said “now is not an emergency” and called on citizens to continue taking steps such as avoiding large gatherings to limit infections.

To support the economy, Abe said his government will formulate a “strong stimulus package of unprecedented scale” to lessen the blow to businesses and individuals brought about by the coronavirus.

Abe said the aid package, including medical measures, will be far bigger than the one put in place to deal with fallout from the global financial crisis in 2008. Fiscal, monetary and tax policy will be “fully mobilized” for the effort, the prime minister said.

The stimulus is expected to exceed 56 trillion yen ($518 billion), or 10% of Japan’s nominal gross domestic product. Abe also said he will submit a supplementary budget to the parliament “promptly within 10 days.”

The stimulus will pour into an economy still suffering the aftereffects of last October’s consumption tax hike — a move that many economists criticized Abe for approving amid weak growth. The prime minister on Saturday again defended his decision, saying the tax increase was “necessary to reform Japan’s social security system so it works for all generations.”

The government will also begin trial procedures aimed at winning approval for the anti-flu drug Avigan as a treatment for the coronavirus, Abe said. Avigan was developed by Japanese company Fujifilm Holdings.

The drug has already shown signs of being effective in relieving symptoms after being administered in dozens of cases, Abe said, adding it has attracted interest from many countries. Japan “will proceed with clinical research in cooperation” with other countries and will start increasing production soon.

Abe has so far refrained from declaring a state of emergency to deal with the virus that would allow authorities to take stronger measures to combat it. He acknowledged that the scale of Japan’s testing was “small,” but he rejected claims that his government was covering up the true number of infections.

“Japan, unlike Europe and the United States, is just barely managing” to prevent infections from skyrocketing, he said.

As for other ways to boost the economy, Abe said a special measure will be established to allow for the deferral for one year of tax and social insurance premium payments to support corporations suffering from constricted cash flow. Also, interest-free and unsecured lending will be expanded to assist them, he said.

Looking further ahead, Abe said the government will also prepare policies aimed at putting the economy back on a growth track after the coronavirus crisis comes to an end.

fonte: Nikkei Asian Review

Traduzione in italiano


TOKYO – Sabato il primo ministro Shinzo Abe ha dichiarato che il suo governo compilerà il pacchetto di misure economiche “più audace di sempre” del Giappone per affrontare l’impatto del nuovo coronavirus, spingendo anche per una rapida approvazione del farmaco antinfluenzale Avigan come trattamento per gli infetti. “Siamo sull’orlo”, ha detto Abe in una conferenza stampa, riferendosi alla possibilità di un’esplosione di casi COVID-19 in Giappone dopo che 63 nuove infezioni sono state confermate a Tokyo lo stesso giorno – il numero più alto fino ad oggi. Ha sottolineato che il Giappone deve essere pronto per una “battaglia a lungo termine” per impedire a COVID-19 di impennarsi senza controllo e schiacciare i sistemi sanitari come ha fatto in altri paesi e regioni. Tuttavia, ha affermato che “ora non è un’emergenza” e ha invitato i cittadini a continuare ad adottare misure come evitare grandi raduni per limitare le infezioni. Per sostenere l’economia, Abe ha affermato che il suo governo formulerà un “pacchetto di stimolo forte su scala senza precedenti” per ridurre il colpo alle imprese e agli individui provocato dal coronavirus. Abe ha affermato che il pacchetto di aiuti, comprese le misure mediche, sarà molto più grande di quello messo in atto per far fronte alle ricadute della crisi finanziaria globale nel 2008. La politica fiscale, monetaria e fiscale sarà “completamente mobilitata” per lo sforzo, il primo ha detto il ministro. Lo stimolo dovrebbe superare i 56 trilioni di yen ($ 518 miliardi), ovvero il 10% del prodotto interno lordo nominale del Giappone. Abe ha anche affermato che sottoporrà al parlamento un bilancio supplementare “prontamente entro 10 giorni”. Lo stimolo si riverserà in un’economia che soffre ancora degli effetti collaterali dell’aumento delle tasse sui consumi dello scorso ottobre – una mossa che molti economisti hanno criticato Abe per l’approvazione in una crescita debole. Sabato, il primo ministro ha difeso di nuovo la sua decisione, affermando che l’aumento delle tasse era “necessario per riformare il sistema di sicurezza sociale giapponese affinché funzioni per tutte le generazioni”.


Il governo inizierà anche le procedure di prova volte a ottenere l’approvazione del farmaco antinfluenzale Avigan come trattamento per il coronavirus, ha affermato Abe. Avigan è stato sviluppato dalla società giapponese Fujifilm Holdings. Il farmaco ha già mostrato segni di efficacia nella riduzione dei sintomi dopo essere stato somministrato in dozzine di casi, ha detto Abe, aggiungendo che ha attirato l’interesse di molti paesi. Il Giappone “procederà alla ricerca clinica in collaborazione” con altri paesi e inizierà presto ad aumentare la produzione. Finora Abe si è astenuto dal dichiarare uno stato di emergenza per far fronte al virus che consentirebbe alle autorità di adottare misure più forti per combatterlo. Ha riconosciuto che la portata dei test in Giappone era “piccola”, ma ha respinto le affermazioni secondo cui il suo governo stava coprendo il vero numero di infezioni. “Il Giappone, a differenza dell’Europa e degli Stati Uniti, riesce a malapena a gestire” per evitare che le infezioni salgano alle stelle, ha detto. Per quanto riguarda altri modi per rilanciare l’economia, Abe ha affermato che sarà istituita una misura speciale per consentire il differimento di un anno dei pagamenti dei premi delle assicurazioni sociali e sociali per sostenere le società che soffrono di un flusso di cassa limitato. Inoltre, i prestiti senza interessi e non garantiti saranno ampliati per assisterli, ha affermato. Guardando oltre, Abe ha affermato che il governo preparerà anche politiche volte a riportare l’economia su una strada di crescita dopo la fine della crisi del coronavirus.

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24