GLI ANTICHI PROVERBI D’ABRUZZO – PARTE 1


I proverbi sono le antiche immagini di vita vissute, che con l’esperienza degli avi vengono tramandate a noi. L’Abruzzo, come ogni regione d’Italia, ne vanta tantissimi, famosi e meno famosi. 

“A chije aspette, n’hêre ije ne pare sétte”                

A chi aspetta, un’ora glie ne sembrano sette.

 

“A Sante vicchije ‘nze appicce ‘cchié cannèle”.          

A Santo vecchio non si accendono più candele.

 

“Attacche l’asene dova vò lu patrêne”.                     

Attacca l?asino dove vuole il padrone

 

“Cchiù t’abbisse e ‘cchiù lu cule te se scopre”.         

Più ti abbassi e più ti si scopre il sedere

 

“Chije aspétte, ‘Ddèije l’assétte”.                           

 Chi aspetta, Dio l’assetta.

 

“Chije ijoche a lu lotte e spére de vênce, lasse li stracce e peije li cènce”.

Chi gioca al lotto e spera di vincere, lascia gli stracci e prende i cenci.

 

“Chije l’arte nen vò ‘mbarà, sberre o frate se ha da fa”.

Chi non vuole imparare un mestiere si deve fare o sbirro o frate

 

“Chije magne prème, magne ‘ddu vodde”

Chi mangia prima, mangia due volte

 

Memorabili alcuni, rari altri, l’essenza che emanano la stessa, vita vissuta. 

 

( Cicchetti Ivan )

 

 

Commenti Facebook

About J P

Avatar