Home | News | Cultura | Terzo concerto dell’Integrale dei Trii di Beethoven con il Trio di Parma

Terzo concerto dell’Integrale dei Trii di Beethoven con il Trio di Parma


L’Aquila, Auditorium del Parco, Domenica 14 gennaio 2018 ore 18.

L’AQUILA. Torna il Trio di Parma nel cartellone della Società Aquilana dei Concerti “B. Barattelli” per il terzo appuntamento dell’esecuzione integrale dei Trii per violino, violoncello e pianoforte di Beethoven, un progetto che, iniziato lo scorso anno,  si sta sviluppando nel corso di più stagioni concertistiche. Questo terzo concerto beethoveniano, in programma domenica 14 gennaio con inizio alle ore 18 presso l’Auditorium del Parco, prevede l’esecuzione dell’Allegretto in si bemolle maggiore WoO 39, il Trio per archi e pianoforte in do minore op. 1 n. 3 ed il Trio per archi e pianoforte in sol maggiore op. 1 n. 2.

Il Trio di Parma, composto dal violinista Ivan Rabaglia che suona su un prezioso violino realizzato da Giovanni Battista Guadagnini a Piacenza nel 1744, il violoncellista Enrico Bronzi, che suona uno strumento di Vincenzo Panormo costruito a Londra nel 1775 ed il pianista Alberto Miodini, è certamente uno degli ensemble cameristici più prestigiosi in Italia con riconoscimenti importanti anche all’estero. Si è costituito nel 1990 nella classe di musica da camera di Pierpaolo Maurizzi al Conservatorio “A. Boito” di Parma ed in pochi anni si è imposto sulla scena internazionale con una prolifica attività discografica, concerti con i più grandi artisti del mondo e, parallelamente, con un costante impegno didattico nei Conservatori di Novara, Gallarate, al Mozarteum di Salisburgo, alla Chamber Music Academy di Duino e alla Scuola di Musica di Fiesole.  

Già nei precedenti due concerti del progetto beethoveniano il pubblico ha avuto modo di apprezzare l’alto livello esecutivo ed interpretativo del Trio di Parma, riscuotendo un unanime consenso e successo.

Commenti Facebook

Potrebbe interessarti:

STANGATA PEDAGGI, GLI AUTOTRASPORTATORI AL GOVERNO: ZONA DISAGIATA, CHIEDIAMO PIÙ AGEVOLAZIONI

Proclamano lo stato di agitazione della categoria e promettono forme di protesta ancor più clamorose, …