BAMBINO DI DUE ANNI RINVENUTO MORTO IN UN SUPERMERCATO: MADRE FERMATA. AVEVA ADAGIATO IL CORPO DEL FIGLIO SUL NASTRO TRASPORTATORE DELLA CASSA


Panico all’interno del negozio vicino a Città della Pieve. Sul corpicino delle evidenti ferite da arma da taglio. La procura procede per omicidio. La tragedia è avvenuta  verso le 15:35. Una donna 44enne ungherese ha adagiato il corpo senza vita del figlio di 2 anni sul nastro trasportatore della cassa del supermercato Lidl di Po Bandino, frazione di Città della Pieve (Perugia) chiedendo aiuto. Panico tra gli addetti del negozio e i clienti. All’arrivo dei sanitari il bambino era già deceduto. Sul corpo del piccolo c’erano numerose ferite da arma da taglio, per la precisione sul collo (frontali) e sul torace del bambino. Poco distante dal supermercato i carabinieri hanno trovato il passeggino e anche un coltello, probabilmente usato per l’omicidio. La 44enne, ora portata in caserma a Città della Pieve, abita a Chiusi (Siena) a casa di un conoscente. Molti sono ancora i punti oscuri di questa vicenda su cui i carabinieri stanno cercando di fare luce. “Quello che è certo – ha detto il sindaco Fausto Risini – è  che si tratta di una grande tragedia accaduta in un centro piccolo e tranquillo, ora sconvolto”.

Commenti Facebook

About Massimo Mazzetti