COLLARMELE. BLOCCATO L’ IMPIANTO DI BIOMETANO E RINVIATO ALLA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE


Il Comitato di Coordinamento Regionale per la Valutazione d’Impatto Ambientale della Regione Abruzzo, nella seduta del 29 Gennaio 2019, all’unanimità ha espresso il parere di rinvio a V.I.A. per il progetto di realizzazione di un impianto di produzione di biometano da rifiuti, da realizzarsi nel comune di Collarmele.

Sono state accolte le osservazioni in contrarietà al progetto presentate dal Comune di Collarmele, dall’Ing. Giuseppina Ranalli e dal Dott. Giuseppe Walter Delle Coste, sui potenziali impatti ambientali negativi legati alla realizzazione dell’impianto di trattamento rifiuti e della produzione di digestato.

Nella seduta sono intervenuti in audizione l’Ing. Iulianella Pacifico, dell’Ufficio Tecnico del Comune di Collarmele, il Dott. Domenico Lacasasanta ed il Dott. Giuseppe Walter Delle Coste, noto attivista ambientalista, già presidente del WWF Abruzzo Montano e candidato alla Regione Abruzzo del M5S, che hanno evidenziato le criticità ambientali relative alla qualità dell’aria, alle emissioni odorigene, alla vulnerabilità della falda, all’impatto acustico, nonché con gli strumenti pianificatori vigenti.

Il progetto bloccato e proposto nel territorio del Comune di Collarmele in località Camporeale, sarebbe sorto a circa 2.400 metri dal sito sensibile del PTA Serafini Rinaldi e dalle abitazioni di Pescina, di San Benedetto dei Marsi e di Collarmele.

Nella stessa area è giacente, presso il Servizio Politica Energetica della Regione Abruzzo, il progetto di un ulteriore impianto di biometano per il trattamento di 110.000 Tonnellate di scarti orticoli e liquami.

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24