CORONAVIRUS, UN NUOVO FOCOLAIO SI E’ APERTO IN VALLE PELIGNA: MADRE, FIGLIA E RAGAZZO DI ROMA POSITIVE. NOVE IN QUARANTENA E UN BED E BRAKFAST CHIUSO


Un nuovo fronte di contagi si è aperto  in Valle Peligna. Ieri, infatti, tre persone sono risultate positive al tampone, si tratta di una donna di sessantadue anni di Introdacqua e della figlia ventiseienne e di un amico di quest’ultima, che è di Sulmona anche se vive a Roma. Un nuovo focolaio la cui portata è difficile al momento da definire, vista la giovane età dei due ragazzi e la quantità delle loro relazioni sociali, con la ragazza, tra l’altro, che gestisce un bed and breakfast a Pettorano sul Gizio, struttura, ora chiusa in via precauzionale, da cui potrebbe essere arrivato il contagio, nonostante la pulizia e sanificazione extra disposte proprio per le misure anti Covid-19. L’allarme è scattato già da sabato quando la 62enne (che lavora al Centro per l’impiego di Sulmona, da dove però mancava già da qualche giorno perché in ferie) ha cominciato ad avvertire alcuni sintomi tipici del Covid. Si è così sottoposta al tampone al quale è risultata positiva insieme alla figlia. Entrambe, però, hanno trascorso la giornata di Ferragosto a Pettorano sul Gizio, insieme ad altri tre nuclei familiari, ora tutti (nove persone) in quarantena volontaria. A queste si aggiungono un’altra quindicina di persone, quelle cioè tracciate finora che hanno avuto negli ultimi giorni contatti diretti e prolungati con i tre casi positivi. Con il Ferragosto di mezzo, ovviamente, tutto si complica per il tracciamento dei contatti, su cui sta lavorando ora la Asl, nel tentativo di isolare, come fatto nel caso dell’altro focolaio, tutte le persone a rischio. Migliorano intanto le condizioni di salute degli altri positivi con sintomi: per l’imprenditore cinquantaseienne ieri non è stata necessaria la Tac, anche perché la febbre sembra sia passata.Migliorano, anche e soprattutto, le condizioni di salute dei tre ricoverati (due al San Salvatore dell’Aquila e uno a Chieti) che rispondono bene alle terapie e sono in attesa di negativizzare il virus. Con il nuovo focolaio apertosi ieri, in Valle Peligna salgono a 17 i casi positivi, oltre a un caso di Covid-like e a quelli dei migranti di Ponte d’Arce dei quali uno ha confermato la positività e due restano dubbi. Uno di questi, tra l’altro, l’altro giorno è fuggito dal centro di accoglienza per essere recuperato in serata dalla polizia a Pescara.

Commenti Facebook

About Massimo Mazzetti

Avatar