Domani sulla scena l’Opera ‘Così fan tutte’ del Conservatorio di Musica ‘G.Braga’


 

Saranno gli studenti e i docenti del Conservatorio Statale di Musica ‘G.Braga’ di Teramo i protagonisti domani, giovedì 14 giugno, della messa in scena del ‘Così fan tutte o La scuola degli amanti’, dramma giocoso in due anni di Lorenzo Da Ponte, nell’Aula Magna del Convitto Nazionale ‘Melchiorre Delfico’, evento promosso nell’ambito delle celebrazioni per i 123 anni della fondazione del ‘Braga’. A partire dalle 21 il sipario si aprirà su un progetto ambizioso, con la regia di Matelda Cappelletti, musiche di Wolfgang Amadeus Mozart, a ingresso libero per il pubblico.

L’opera buffa racconterà la storia di Ferrando e Guglielmo, due giovani ufficiali, che scommettono una forte somma di denaro col filosofo Don Alfonso sulla fedeltà delle loro fidanzate. Condizione della scommessa è che seguano ciecamente le istruzioni del loro professore di filosofia per un giorno intero. Le fidanzatine, Fiordiligi e Dorabella, sorelle adolescenti e viziate, apprendono da Don Alfonso la tragica notizia, ovvero che i loro amati devono partire, chiamati alle armi. Le due fanciulle vengono allora istigate da Despina, la loro cameriera, pagata dallo stesso Don Alfonso, a ricevere in casa due nobili stranieri, i quali non sono altri che i loro fidanzati travestiti. All’inizio, disperate per la separazione dai loro promessi sposi, Fiordiligi e Dorabella sono indignate dalla sfacciataggine dei due intrusi, ma pian piano, sotto la guida degli intrighi e delle trame ordite da Alfonso e Despina, qualcosa cambierà.

“La rappresentazione – ha spiegato la docente e regista Matelda Cappelletti – nasce dal ‘Progetto Mozart-Da Ponte’ concepito nel 1988 dal maestro Claudio Desideri, insegnando a me e a tutta una generazione di giovani cantanti, strumentisti e tecnici, ad amare le opere mozartiane. E oggi, nel coraggioso progetto del Conservatorio di Teramo, portato avanti dallo scorso anno per la volontà ferrea  e appassionata della Direzione, con il Maestro Federico Paci, e con il prezioso sostegno del maestro Alba Riccioni, che si è accollata tutta la fatica e l’onere della preparazione musicale, e dei docenti che preparano i ragazzi, dopo ‘Le Nozze di Figaro’ non poteva mancare il ‘Così fan tutte’, un’opera che esce completamente dai canoni. A differenza de ‘Le Nozze di Figaro’ e del ‘Don Giovanni’, anch’essi frutti della collaborazione tra Mozart e Da Ponte, il ‘Così fan tutte’ è totalmente slegato da fonti letterarie e nasce dal pretesto di una vicenda di cronaca contemporanea, in cui due amanti travestiti avrebbero messo alla prova la  fedeltà delle loro fidanzate, portando alle estreme conseguenze la teoria filosofica illuministica e razionalistica personificata da Don Alfonso, ossia il trionfo della ragione sulle passioni umane. Scopo principale del progetto è stato quello di coinvolgere il maggior numero possibile di giovani allievi, affinchè diventino, essi stessi, i protagonisti del teatro musicale italiano del futuro, coloro che difenderanno e porteranno avanti con competenza ed entusiasmo la vita dell’opera lirica, un patrimonio culturale italiano che ci fa onore nel mondo e che pure rischiamo di perdere”.

“Quella di domani – ha aggiunto il Direttore Federico Paci – sarà una prova straordinaria per il nostro Conservatorio e per gli studenti, che si stanno preparando da un anno per uno spettacolo che ha delle ambizioni importanti. La nostra Istituzione musicale sta infatti dimostrando un’apertura d’eccellenza verso tutte le discipline musicali, lasciandosi tentare anche dall’Opera e dall’Operetta, una sfida che possiamo vincere solo grazie ai professionisti che operano all’interno del nostro Conservatorio. E soprattutto ringraziamo il Convitto Nazionale ‘Melchiorre Delfico’ per la collaborazione e la disponibilità degli spazi adeguati per un allestimento scenico grandioso”.

La Responsabile musicale dello spettacolo è Alba Riccioni; maestro al pianoforte Erika Jade Grelli;  Maestro del Coro, Stefano Befacchia. Il Progetto luci porta la firma di Stefano Pirandello, del corso di Illuminotecnica del Conservatorio, con gli allievi Matteo De Angelis, Stefano Befacchia, Danilo Di Ventura e Andrea Di Lorenzo. I Costumi sono di Nadia Vampa e Marcella D’Antonio; i docenti che hanno preparato gli studenti sono Matelda Cappelletti, Eleonora Contucci, Paolo  Marconi, Gianluca Pasolini, Stefano Pirandello e Alba Riccioni. Assistente alla Regia, trucco e acconciature, direzione di scena Martina Menei; attrezzisti Sara Fulvi e Martina Menei; realizzazione luci Fox Service e datore luci Michele Lavanga. I personaggi dell’opera buffa saranno Della Del Cherico nelle vesti del Narratore; la soprano Federica Serpente nel ruolo di Fiordiligi, giovane ragazza ferrarese; la mezzo-soprano Tamara Macera, ossia Dorabella, sorella di Fiordiligi; il tenore Eunjin Kang, nel ruolo di Ferrando, fidanzato di Dorabella; il baritono Giammarco Durante, nel ruolo di Guglielmo, amico di Ferrando e fidanzato di Fiordiligi; il basso Fabio Maria Capitanucci nelle vesti di Don Alfonso, il filosofo; e infine la soprano Anastasia Condrea, nel ruolo di Despina, la giovane cameriera delle due ragazze. L’opera di domani è tratta dalla sceneggiatura originale di Della Del Cherico con riduzione per canto e pianoforte di Barenreiter Verlag, Kassel.

 

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24

Potrebbe interessarti:

GRANDE SUCCESSO DEL “PREMIO OVIDIO” A SULMONA

Sulmona. Piazza  Garibaldi  gremita  di  gente,  l’aria  impregnata  di  emozione  e  risate  e  poi,   loro,  Gabriele  …