Forza Italia. Sospiri:”D’Alfonso taglia i fondi per gli studenti disabili”


“La Regione ‘facile e veloce’ del Governatore D’Alfonso taglia i fondi per il diritto allo studio degli studenti disabili e scarica ogni onere sui Comuni, assolutamente impreparati e a corto di risorse a fine anno. Il rischio concreto è di veder cancellati i servizi di trasporto scolastico così come l’assistenza scolastica, ossia di veder annullati anni di sforzi e di lotte per garantire a tutti i ragazzi il diritto di studiare, di vivere, senza subire alcuna discriminazione rispetto ai propri coetanei a causa della propria condizione fisica. Ovviamente non lo consentiremo e in aula sarà muro contro muro per obbligare il Governatore D’Alfonso e la sua giunta di sinistra a sforbiciare quell’inutile Masterplan per individuare le risorse necessarie per i nostri giovani”. Lo ha annunciato il Capogruppo di Forza Italia alla Regione Abruzzo Lorenzo Sospiri.

“Ancora una volta il Presidente D’Alfonso non perde l’occasione per dimostrare la sua concreta indifferenza nei confronti delle vere problematiche della gente, a partire da chi vive una condizione di difficoltà – ha sostenuto il Capogruppo Sospiri -. In questo caso, la mannaia regionale si è abbattuta sul diritto all’istruzione: con la parziale abolizione delle Province, infatti, le funzioni in materia di diritto allo studio degli studenti disabili sono passate in capo alla Regione che, nelle more della formalizzazione definitiva di tutti i passaggi di competenze (che pure dovevano essere fatte entro dicembre 2016, data mai rispettata), ha sottoscritto un accordo ‘ponte’ con i Comuni sede di scuole superiori per garantire l’avvio dell’assistenza scolastica e del trasporto disabili. L’accordo ‘ponte’ aveva ovviamente una scadenza, quella del 31 dicembre 2016. Da quel momento il buio, ovvero a parte i roboanti comunicati rassicuranti e le promesse di risorse inesistenti arrivate al solito dal Governatore D’Alfonso, i Comuni interessati, per puro spirito di servizio, hanno continuato a garantire il servizio fino a giugno 2017. Da allora però la Regione fa finta che la funzione sia passata ai Comuni, che invece non hanno sottoscritto alcuna convenzione con la Regione per l’attuale anno scolastico, promettendo loro fondi e addirittura approvando delle ‘Linee guida’ con il Decreto di Giunta Regionale numero 409/2017, che spiega ai Comuni come devono fare il servizio e all’articolo 10 stabilisce, addirittura, che la Regione erogherà un contributo ai Comuni per il servizio ‘nei limiti della disponibilità finanziaria determinata dalle annuali leggi di bilancio’, disposizione già dichiarata incostituzionale dalla sentenza della Corte Costituzionale numero 275 del 2016 contro la Regione Abruzzo proprio sul diritto allo studio delle persone disabili, stabilendo che, nel momento in cui la Regione assume un impegno economico nel garantire il diritto allo studio di soggetti svantaggiati, come studenti disabili, lo stesso impegno va individuato in maniera precisa e non può essere rimesso agli umori del momento. Questo significa che da questo momento il servizio sarà a carico delle singole amministrazioni, che si ritrovano a dover fronteggiare da sole una spesa abnorme a fine bilancio, che significherà l’inevitabile taglio del servizio per molti studenti. Ovviamente – ha aggiunto il Capogruppo Sospiri – non lo permetteremo e porteremo lo scontro in aula: basta con le spese superflue e autocelebrative, basta con un Masterplan inutile, chiediamo che vadano individuati i fondi per il diritto allo studio degli studenti disabili e si proceda anche con la ripartizione alle singole amministrazioni”.

  

Capogruppo Forza Italia

Regione Abruzzo

Lorenzo Sospiri

 

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24