Meteo. Sabbia sahariana sulle nostre auto a causa dell’umido e caldo Scirocco. Vicende perturbate si alterneranno ad altre soleggiate


Meteo. Il particolato (dimensioni inferiori ad in micron) che copre il cielo questa mattina e rimane in sospensione nello strato più basso dell’atmosfera, la Troposfera, è un enorme quantitativo di polveri sahariane sospinte verso il Mediterraneo e la nostra penisola da un fronte caldo proveniente dall’entroterra libico e strutturatosi per quantitativo anche di umidità sulle coste mediterranee del Nord Africa. La sabbia finissima costituisce un problema relativo o aggiuntivo alle persone che soffrono di allergie. La quantità di ghiaccio e di vapore acqueo può inoltre comporre nuvole stratificate secondo fungini nuclei di condensazioni dati dalle molecole d’aria insediate dai granelli di sabbia, sopra la modesta formazione prefrontale, in grado di dare luogo a pioviggini o locali rovesci di pioggia e di sporcare le nostre automobili di sabbia sahariana. Non solo, le polveri rappresentano anche un aspetto positivo per la nostra Terra. Come nelle foreste equatoriali sel Sud Americane dove possono lo stesso espandersi, quando arrivano sullo scacchiere euro-mediterraneo possono contribuire alla fertilizzazione e alla bonifica dei terreni perché in esse polveri dal deserto presente il fosforo. Il riscaldamento globale poi altera la circolazione atmosferica e, come abbia visto, ci propone delle alternanza troppo estremizzata di sfaccettature primaverili e la sabbia finissima dal Sahara non resta altro motivo per risanare i fanno provocati a numerosi alberi da frutto a causa delle repentine gelate tardive. Un miglioramento delle condizioni meteorologiche avverrà attraverso rasserenamenti entro domenica e lunedì, dopodiché ci aspetterà il passaggio di un’altra piovosa perturbazione atlantica.

Grazie.

rc

Commenti Facebook

About Riccardo Cicchetti

Riccardo Cicchetti è nato ad Avezzano il 24/06/1994 e si appassiona di giornalismo e di Meteorologia. Ha iniziato il suo percorso all’Università degli Studi dell’Aquila e si è laureato in Filosofia e Teoria dei Processi Comunicativi. A partire da Maggio 2016 ha avviato la sua collaborazione con il quotidiano online Ilfaro24 come giornalista meteorologico principiante e divulgatore scientifico.