QUANDO LA RIFLESSIONE E’ SOSTANZA DELLA DELUSIONE


” mi sembro un leone fermo, che stanco resta sdraiato sotto un albero. Osservo un ricordo, un fatto, un viso che credevo amico, ed invece esclusivamente sostanza della mia delusione. Leggo su un vecchio Zanichelli il senso del deludere;Stato d’animo di tristezza provocato dalla constatazione che le aspettative, le speranze coltivate non hanno riscontro nella realtà. Giuste ed auree confessioni. Rifletto attonito il volger delle situazioni, chi ritenevo un Cesare si è rilevato un Bruto. Colui, che pur facendo l’amico nell’istante inaspettato mi ha accoltellato. Quante parole cadute a terra, quante emozioni buttate al vento, quanta sostanza sciolta al riflesso ombreggiato di una Chimera, con il volto angelico. Alec Endorphins in un suo aforismo sulla delusione osservava (Meglio una delusione temporanea che un’illusione eterna), sante parole,posso ancor restar sotto questo albero deluso per qualche giorno, ma sarò piu’ forte nel rifletter sul concetto che io sarò deluso per un tempo breve tu resterai deluso per sempre, la tua vera delusione è la consapevolezza di non aver una vita reale, ma soltanto il fatto dell’illecito, del nascosto, del perplesso. Lascia color che di delusione ti restano e avvolgi chi non ti ha mai trattato da amico, colui almeno è sincero.”

Commenti Facebook

About J P