RAGAZZA 14ENNE PERDE LA VITA DOPO UN INCIDENTE CON UN’AUTO DELLA POLIZIA CHE STAVA INSEGUENDO DEI MALVIVENTI


Tragico incidente a Roma. Una ragazza di 14 anni, S. L. , è morta all’incrocio tra via di Salone e via Andrea Noale, zona est della Capitale, in uno scontro frontale tra l’auto sulla quale viaggiava e una volante della Polizia, che inseguiva una macchina con a bordo un gruppo di rapinatori reduci da un furto in una tabaccheria di Tivoli. Secondo quanto ricostruito, i due ladri questa mattina avevano rubato due scatoloni di sigarette per 4mila euro e la borsa della titolare di una tabaccheria di Tivoli rompendo il vetro della sua auto. La segnalazione era arrivata al numero unico 112 e una pattuglia della stradale aveva poi intercettato un’auto sospetta sull’A24. Così è scattato l’inseguimento. L’auto in fuga, dopo il casello di Roma est, è uscita a Ponte di Nona, dove ha forzato un posto di blocco. Poi l’inseguimento è continuato in via di Salone dove si è verificato l’incidente. L’auto della Polstrada si è scontrata in prossimità di una curva con l’auto della famiglia. I rapinatori invece sono fuggiti a piedi abbandonando la loro auto poco dopo. La vettura è stata sequestrata per il rilievi della scientifica, mentre sono ancora in corso le ricerche dei due ladri. Gravemente ferito anche il fratello della giovane, che ha 20 anni ed è stato ricoverato all’Umberto I. Feriti e trasportati in codice rosso in ospedale anche il padre, 56 anni, e la madre, 39 anni. L’uomo, che era alla guida dell’auto, si trova a Tor Vergata mentre la donna al Sandro Pertini. In una nota la Polizia di Stato ha espresso il suo cordoglio: «la Polizia di Stato si unisce al dolore dei familiari della giovane ragazza deceduta stamattina a seguito di un incidente che ha coinvolto una pattuglia della Polizia stradale impegnata nell’inseguimento di malviventi. Sentimenti di vicinanza e speranza sono rivolti agli altri membri della famiglia che sono ricoverati in gravi condizioni e dei due agenti rimasti feriti».

Commenti Facebook

About Massimo Mazzetti