BRODETTO DI PESCE ALLA VASTESE


Il brodetto di pesce è il principe delle tavole del Vastese e della Costa dei Trabocchi. Piatto tipico della cucina marinara è una zuppa di pesce condita con pomodoro fresco, utilizzando tante varietà di pesce di scoglio. Secondo le attente regole di oggi, il brodetto può considerare anche altri prodotti del mare, come frutti di mare, scampi, seppie, merluzzo, triglia, scorfano, palombo, razza.

Con il passare degli anni al pesce iniziale si sono aggiunti pesci di maggior pregio quali gli scampi, i gamberi o le sogliole ma la sostanza del piatto è restata sempre la stessa, una preparazione a base di pesce fresco leggera, saporita. Al pesce si affiancano gli odori, pomodoro fresco maturo, peperone dolce, prezzemolo e aglio.

Il brodetto alla vastese come oggi lo conosciamo nasce nell’800 con l’arrivo nelle cucine del pomodoro, ortaggio importato dalle Americhe dai conquistadores spagnoli ma inutilizzato in cucina fino alla metà del secolo XVIII, da allora, vista anche la sua semplicità di coltivazione esso diventa un elemento imprescindibile nella cucina mediterranea, utilizzato in centinaia di piatti, cotto o crudo.

Un ruolo fondamentale, per la preparazione di un buon brodetto alla vastese, lo gioca anche il tegame nel quale esso viene preparato: si tratta di tegami in terracotta di grandezza variabile a seconda del quantitativo di pesce utilizzato e del numero delle persone per le quali si prepara questa zuppa tipica.

Ingredienti per 4 persone:

  • 1,5 kg pesce fresco misto
  • 500 g. pomodori freschi
  • olio extravergine d’oliva
  • peperone dolce
  • prezzemolo spezzato a mano
  • aglio rosso a spicchi sbucciato
  • peperoncino piccante quanto basta.

Pulire il pesce lasciando attaccate le teste, versare il pomodoro tagliato nel coccio, aggiungete tutti gli odori e l’olio extra vergine di oliva.

Porre il coccio su fuoco moderato, aggiungere pesce gradatamente iniziando da quelli più duri, in ultimo mettere triglie, merluzzetti e frutti di mare, 1 minuto prima di servire a tavola aggiungete una manciata di calamaretti piccoli.

Molto importante è scuotere leggermente tutta la pentola durante la cottura per evitare che pesce o pomodoro si attacchino al fondo del coccio.

 

Commenti Facebook

About Ivan Cicchetti

Ivan Cicchetti
Nasce a Roma nel 1978, scrittore, poeta, novellista e librettista teatrale. Nel 2008 e nel 2009 è stato responsabile della sala stampa della mostra internazionale AQUILA ANTIQUA a L'Aquila. E' stato collaboratore di diverse testate giornalistiche abruzzesi. Da Settembre 2017 collabora come giornalista con la testata IL FARO 24 NEWS

Potrebbe interessarti:

LE TUNCENELLE – ARMONIE DI SAPORI D’ABRUZZO

L’Abruzzo è una regione dove gli allevamenti di animali sono molti, in particolare nei territori …