Collelongo (AQ). Il Sindaco Salucci; ” Cava le Grottelle, un cumulo di chiacchiere della minoranza”


“La minoranza consiliare di Collelongo vende fumo, non fa che sommare imprecisioni su una situazione estremamente delicata, strumentalizza una vicenda che si presta, per sua natura, ad essere usata per accaparrare facile consenso. Mi riferisco a quanto da loro asserito nell’articolo pubblicato l’11 febbraio sul quotidiano “Il Centro”. I consiglieri di minoranza sostengono che grazie al loro operato il conferimento dei rifiuti nella cava di Collelongo si è bloccato”. Questo è quanto dichiarato dal Sindaco Rosanna Salucci”.

Continua il Primo Cittadino: “Occorre fare chiarezza su questa vicenda. Il progetto di ritombamento della cava, mediante l’utilizzo di rifiuti non pericolosi, fanghi da industria cartaria in miscela con il terreno, è stato presentato dalla ditta proprietaria della cava e successivamente autorizzato dalla Regione Abruzzo – Ufficio Attività Estrattive – con D.G.R. n. D18/12/11 del 04.02.2014. La Provincia dell’Aquila, settore Ambiente e Urbanistica, a fine luglio 2015, dopo aver acquisito dalla ditta la polizza fideiussoria a garanzia del regolare svolgimento dell’attività, ha autorizzato gli scarichi.

La maggioranza consiliare, nell’interesse dei cittadini, per monitorare al meglio l’attività di recupero ambientale in corso e garantirne il regolare e legittimo svolgimento, si è attivata tempestivamente con azioni concrete ed ha avuto da subito il polso della situazione. Ha  proceduto in data:

  • 10 settembre 2015 a tenere un tavolo tecnico con i funzionari del settore Ambiente, Servizio gestione rifiuti e tutela del suolo della Provincia dell’Aquila, con il comandante del Corpo Forestale dello stato, della Polizia provinciale e della Polizia Locale;
  • 11 settembre 2015 a richiedere un rapporto di servizio alla Polizia Locale sull’attività di ritombamento, rimesso in pari data, richiesta prot. 3609/2015;
  • 29 settembre 2015 a tenere un Consiglio Comunale straordinario, richiesto dalla minoranza, ove si è illustrato il progetto di ripristino ambientale e l’iter burocratico seguito per il rilascio delle relative autorizzazioni;
  • 19 ottobre 2015 a richiedere al Corpo Forestale dello Stato ed alla Polizia Provinciale di eseguire i controlli e rimettere rapporto di servizio sull’attività effettuata, richiesta prot. 4071/2015;
  • 09 novembre 2015 a richiedere al Distretto Provinciale dell’Arta di eseguire un controllo con analisi del rifiuto conferito, richiesta prot. 4348/2015.

Dai controlli eseguiti sono emerse irregolarità tali che il settore Ambiente e Urbanistica della Provincia di L’Aquila, in data 12 gennaio 2016, ha emesso il provvedimento di divieto di prosecuzione dell’attività ed ordinato la bonifica dell’area entro sei mesi dalla notifica dello stesso.

La ditta sta presentando memorie difensive avverso tale provvedimento ed è nei termini per ricorrere alla magistratura” prosegue il primo cittadino:”In questi mesi la minoranza ha fatto solo tante chiacchiere, ha informato la Procura della Repubblica senza nessun documento o referto che supportasse e giustificasse tale iniziativa, ha procurato psicosi ingiustificate nella cittadinanza.

Il Sindaco e la maggioranza attiva del comune di Collelongo hanno invece agito con azioni improntate alla concretezza ed al rigore che tale delicata situazione merita. Ai cittadini è stata data puntuale informazione su quanto si stava facendo.

La Minoranza consigliare continua invece in un’azione insensata di disinformazione e delegittimazione  alimentando la cultura del sospetto e perseverando in un comportamento censurabile sotto ogni punto di vista che non trova eguali nella storia  del Comune che mi onoro di amministrare”.

 

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24