Italia. L’impressionante lista dei terremoti più devastanti del ‘900


I terremoti avvengono nella parte più superficiale del nostro pianeta. Le rocce che formano la crosta e il mantello superiore subiscono continuamente giganteschi sforzi, che sono il risultato di lenti movimenti tra le grandi placche in cui è suddiviso lo strato più superficiale della Terra, come se fosse il guscio incrinato di un uovo. Tali movimenti sono prodotti dai moti convettivi del mantello che spingono e trascinano le placche generando sforzi che sono massimi vicino ai confini tra le placche stesse, come per esempio in Italia e in generale in tutto il Mediterraneo, e minimi al loro interno, come succede nel Canada o nell’Africa centro-occidentale. L’Italia è situata al margine di convergenza tra due grandi placche, quella africana e quella euroasiatica. Il movimento relativo tra queste due placche causa l’accumulo di energia e deformazione che occasionalmente vengono rilasciati sotto forma di terremoti di varia entità.Guardando la serie storica dei terremoti italiani è facile notare che spesso avvengono in zone già colpite in passato. Gli eventi storici più forti si sono verificati in Sicilia, nelle Alpi orientali e lungo gli Appennini centro-meridionali, dall’Abruzzo alla Calabria. Ma ci sono stati terremoti importanti anche nell’Appennino centro-settentrionale e nel Gargano. In particolare, dal 1900 ad oggi si sono verificati 30 terremoti molto forti (Mw≥5.8), alcuni dei quali sono stati catastrofici. Il più forte tra questi è il terremoto che nel 1908 distrusse Messina e Reggio Calabria.

Tabella dei terremoti più significativi sul territorio italiano:

 

08/09/1905             Calabria                                     7.1  magnitudo

23/10/1907             Calabria                                     5.9

28/12/1908             Stretto di Messina                       7.2

07/06/1910             Irpinia                                        5.9

07/10/1904             Garfagnana                                 5.8

13/01/1915             Avezzano                                    7.0

17/05/1916             Mediterraneo Settentrionale          5.9

16/08/1916             Mediterraneo Settentrionale          5.9

26/04/1917             Monterchi-Cisterna                       5.8

10/11/1918             Appennino Forlivese                      5.8

29/06/1919             Mugello                                        6.2

07/09/1920             Garfagnana                                   6.5

07/03/1928             Capo Vaticano                               5.9

23/07/1930             Irpina                                           6.7

30/10/1930             Senigallia                                      5.9

18/10/1936             Bosco Consiglio                              5.9

03/10/1943             Ascolano                                       5.8

21/08/1962             Irpinia                                           6.2

15/01/1968             Valle del Belice                               6.1

06/05/1976             Friuli                                             6.4

15/09/1976             Friuli                                             5.9

15/04/1978             Golfo di Patti                                  6.1

19/09/1979             Valverina                                       5.9

23/11/1980             Irpinia                                           6.9

07/05/1984             Lazio/Abruzzo                                6.0

05/05/1990             Potentino                                       5.8

26/09/1997            Umbria/Marche                               6.0

31/10/2002            Molise                                            5.8

06/04/2009             L’Aquila                                          6.1

20/05/2012             Pianura Padana                               5.8

29/05/2012             Pianura Padana                               5.6

24/08/2016             Amatrice                                        6.0

 

(a cura di Cicchetti Ivan)

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24