Le origini e la storia del Bingo in Italia

L’amore per le tradizioni in Italia è sempre stato molto forte e non sono da meno i giochi e i passatempi che trasudano folclore e storia decennale. Nel corso degli anni, gli italiani hanno fatto proprie le attrazioni europee e americane che dominano i tavoli verdi dei casinò, infatti sono i giochi di carte che hanno avuto maggior successo. Assieme a questi, il seguito più forte lo detengono i giochi ad estrazione, le nostre attuali lotterie e sale Bingo.

La possibilità di vittoria uguale per tutti è la motivazione principale del loro successo, la fortuna e un po’ di intuito sono i protagonisti del Bingo o della storica tombola. Il primo gioco ad estrazione in Italia risale al 1530 e veniva chiamato “Il giuoco del lotto d’Italia”, ma il bingo prende la vera ispirazione proprio dalla tombola della quale si vedranno i primi espedienti nel diciottesimo secolo a Napoli.

Per capire il bingo quindi dobbiamo ripercorrere anche la storia della tombola che nacque in realtà per un compromesso storico sul gioco del lotto: il re Carlo di Borbone preferiva averne il controllo per non farlo dilagare in maniera incontrollata, invece il padre Gregorio Maria Rocco lo riteneva totalmente immorale. Questa diatriba familiare portò al divieto di gioco durante le festività e alla nascita della tombola come diversivo da giocare nelle proprie case.

Per arrivare all’attuale Bingo bisogna invece attraversare storicamente l’oceano, precisamente in Florida nel 1929, dove un venditore ambulante di giocattoli, Edwin Lowe, originario di New York, partecipò ad una versione americana del gioco del lotto nel quale erano dei fagioli a tenere i numeri sulle cartelle personali. Fagioli in inglese si pronuncia “bean” e in quell’occasione un partecipante per l’euforia nel momento della vincita ne sbagliò la pronuncia emettendo la parola “Bingo!”.

Il newyorkese sfruttò l’errore e con l’aiuto di esperti matematici creò svariate cartelle con i numeri per permettere il gioco a più persone contemporaneamente. Da quel momento si diffuse in tutta l’America e arrivò in Italia diventando uno dei giochi più amati.

Il format usato è composto da cartelle con 15 numeri ciascuna con estrazione che avviene su 90 numeri (in America invece sono 75) e non vi sono i classici ambo, terno, quaterna e cinquina presenti nella tombola, in questo gioco si punta solo al Bingo, ovvero quando tutti i numeri della propria cartella vengono estratti.

Attualmente in Italia esistono numerose sale dove giocare a Bingo live e attualmente esistono anche versioni del gioco online coinvolgenti e sempre a portata di mano, durante le quali si può interagire con gli altri partecipanti tramite le chat, essenziali proprio perché il Bingo, che sia live o online, è fatto di socialità, chiacchiere e divertimento.

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24