PESCARA. GRUPPO LEGA COMUNALE E REGIONALE SU ‘CASO’ LE NAIADI


“Negli ultimi giorni si stanno rincorrendo notizie, interventi, voci, che di nuovo lanciano ombre buie sul futuro di uno degli impianti natatori e sportivi più rilevanti dell’intero territorio abruzzese, Le Naiadi, un gioiello dalle potenzialità enormi e che non può andare avanti con gestioni a tempo, ma ha bisogno di un progetto organico, solido e duraturo nel tempo – ha sottolineato compatto tutto il gruppo della Lega -. Oggi chiediamo chiarezza e tempestività attraverso la convocazione di un Tavolo congiunto con il Comune di Pescara, che ospita sul proprio territorio quel patrimonio, e la Regione, che è proprietaria de Le Naiadi, e chiediamo che la Regione si presenti con una proposta seria e percorribile, dicendoci innanzitutto cosa vuole fare con Le Naiadi. Le ultime notizie parlavano di una proroga dell’attuale gestione di tre mesi, posizione che riteniamo assurda e anche superficiale, perché è chiaro che fra tre mesi non accadrà nulla di nuovo, è solo un inutile temporeggiamento e un rilanciare all’autunno l’onere delle decisioni da assumere. Piuttosto chiediamo se la Regione abbia un programma d’azione: c’è un Project Financing in piedi, sono due anni e mezzo che ne parliamo, dunque la questione chiama sicuramente in causa anche la precedente amministrazione regionale, ma comunque dopo due anni e mezzo va assunta una decisione. Quando il sindaco Masci chiede che venga affidato al Comune l’impianto, è evidente che si tratti di una provocazione, perché il tema non è semplicemente chi gestisce l’impianto – ha aggiunto il Gruppo della Lega -, ma cosa si intende fare per rilanciare una struttura che è patrimonio straordinario con un ruolo strategico, per salvaguardare i livelli occupazionali, per garantire un futuro all’impianto, per il quale nutriamo serie preoccupazioni. Se dopo due anni e mezzo non si ritiene più il Project adatto alle esigenze de Le Naiadi, nulla vieta alla Regione di lanciare un Progetto di iniziativa pubblica, purché si assumano iniziative veloci e concrete perché è finito il tempo delle pezze a colori che purtroppo hanno caratterizzato gli ultimi anni di vita de Le Naiadi. C’è bisogno di una visione strategica e di un Piano d’azione che sia il frutto di un sinergico rapporto tra tutti gli Enti pubblici interessati”.

 “La convocazione tempestiva di un Tavolo tra Regione e Comune di Pescara, in cui la Regione ci dica come si intende procedere sulla vicenda gestionale del complesso sportivo de Le Naiadi, che si trova sul territorio di Pescara, ma è un patrimonio dell’intero Abruzzo. È la richiesta avanzata dal Gruppo della Lega, comunale e regionale, per definire il futuro di un impianto che ha un enorme valore strategico, sia sotto il profilo sportivo che turistico e d’immagine. Diciamo sin d’ora che non riteniamo percorribile la paventata proroga di tre mesi all’attuale gestione, proroga che non servirebbe a nulla, piuttosto vogliamo capire se si intende andare avanti con il Project Financing già pronto o, se non lo si ritiene più adeguato, potrà essere la Regione stessa a lanciare un Project di iniziativa pubblica. L’importante è che, dopo due anni e mezzo di attesa, si assuma una iniziativa concreta e percorribile”. A dirlo sono i consiglieri regionali della Lega di Pescara, Vincenzo D’Incecco e Luca De Renzis, il Presidente del Consiglio comunale Marcello Antonelli, il vicesindaco Gianni Santilli, gli assessori Patrizia Martelli e Adelchi Sulpizio e l’intero gruppo consiliare del Comune di Pescara.

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24