Pescara. Sì del Consiglio Comunale per affidamento e gestione degli orti urbani


Sì del Consiglio Comunale al primo regolamento per l’affidamento e la gestione degli orti urbani. Si tratta di uno dei primi passi compiuti dall’Amministrazione Alessandrini appena dopo l’insediamento, attraverso la delibera di Giunta n. 449 del 03-07-2014 che dettava delle linee di indirizzo. Quelle indicazioni sono state tradotte nel regolamento approvato oggi che stabilisce le modalità per l’affidamento e la gestione degli orti urbani, consentendo la possibilità di attuare interventi a favore delle fasce deboli della popolazione e di valorizzare il patrimonio verde della città. Si tratta di un documento composto da 13 articoli, già analizzato e approvato nelle scorse settimane dalla Commissione Ambiente del Comune, presieduta dal consigliere Fabrizio Perfetto, che punta a favorire la riqualificazione degli spazi verdi, rafforzando il legame di cittadini e associazioni con il territorio urbano, migliorando le caratteristiche ambientali, incoraggiando la socializzazione dei cittadini e offrendo inoltre un’opportunità concreta di integrare il proprio reddito.

Cosa prevede il regolamento. L’orto urbano è un appezzamento di terreno di proprietà comunale, concesso temporaneamente tramite un bando pubblico a un privato, a un’associazione, a una cooperativa, alle scuole di ogni ordine e grado, a una Onlus, a un’organizzazione di volontariato oppure ad altri enti collettivi senza scopo di lucro. Il regolamento prevede precisi criteri di assegnazione e una suddivisione degli spazi in tre gruppi: orti attrezzati (ossia aree verdi attrezzate in possesso del Comune),orti da attrezzare (ossia aree di proprietà comunale o concesse da privati cittadini) e, infine, orti spontanei (ossia aree verdi individuate e allestite dagli assegnatari). La graduatoria di assegnazione degli spazi sarà calcolata in base al reddito e alla situazione occupazionale dei richiedenti, favorendo i cittadini con un reddito Isee basso (inferiore a 15.000 euro), ma riservando anche una quota di assegnazione a scuole e associazioni. Uno degli emendamenti inseriti dalla Commissione prevede inoltre di riservare una quota di assegnazione del 50 per cento ai cittadini residenti in prossimità dell’area verde adibita ad orto urbano.

I bandi pubblici saranno pubblicati nei prossimi giorni sul sito del Comune. A fronte del pagamento di un canone annuale irrisorio, la durata della concessione sarà di quattro o tre anni, a seconda se i terreni saranno adibiti a orti per la prima volta, in ragione quindi dell’impegno necessario a renderli produttivi, oppure se si tratta di assegnazioni successive.

 

“La sfida degli orti urbani – spiega il presidente della Commissione Comunale Ambiente Fabrizio Perfetto – rientra tra le linee di mandato del sindaco Marco Alessandrini e di questa Amministrazione. Il regolamento che abbiamo contribuito a stilare in Commissione, in accordo con il vicesindaco Antonio Blasioli e il lavoro compiuto dagli uffici, è un altro tassello del più ampio mosaico che questa Amministrazione sta costruendo per rendere Pescara sempre più inclusiva e all’avanguardia. Il nostro obiettivo è sempre stato quello di non lasciare indietro le fasce deboli, cercando di creare nuove opportunità e offrire fonti di reddito alternative alle famiglie. La situazione economica attuale, infatti, spinge ormai le famiglie a ridurre spese e consumi. In questo contesto il ritorno all’autoproduzione alimentare può essere un vantaggio. Questo prezioso strumento, così come il regolamento sull’affidamento dei parchi, ci consente sia di incrementare la presenza di aree verdi armoniche e accessibili a tutti, favorire l’interazione tra le persone aumentando così senso di appartenenza al territorio, diffondere il rispetto e l’educazione ambientale e sia garantire una manutenzione costante su tutto il territorio cittadino”

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24