Quali sono i giochi di carte più apprezzati a Natale?


A Natale puoi… approfittare per trascorrere momenti piacevoli in compagnia, mettere brevemente pausa ad una vita di stress e frenesia per guardare la neve cadere col suono rincuorante di un camino scoppiettante. È a Natale che si pensa a fare regali per le persone che ci sono più care, è un periodo che ci riconnette ad uno spirito di generosità. A Natale non possono mancare i piatti regionali per le feste, che spiccano sulla tavola imbandita, non possono  mancare i doni sotto l’albero, e tra gli altri vari protagonisti di queste feste, troviamo soprattutto i giochi di carte! Alzi la mano chi a Natale non ricorda di aver giocato a 3 sette, scopa, scopone, briscola, senza mai tenere d’occhio l’orologio. Allora non ci resta che avviare una playlist di Michael Bublè, indossare un maglione natalizio, scegliere gli addobbi per il nostro albero, e attendere il Natale, con i suoi interminabili tornei di carte. In questo articolo parliamo di 2 giochi di carte simbolo del Natale, Scopa e Tressette. 

Tressette.

Nel tressette il mazzo di carte viene tagliato in due dal giocatore alla sinistra del mazziere, si distribuiscono le carte, 5 alla volta, in senso antiorario, fino ad arrivare a 10. Inizia la partita il giocatore che ha il 4 di denari, gli altri giocatori devono giocare una carta che abbia lo stesso seme. La partita è costituita da turni, che in totale sono 10.

Quando non si ha la carta col seme in questione si fa ‘’piombo’’ e si può giocare qualsiasi altro seme senza diritto di presa.

La partita termina quando una delle due squadre totalizza un certo numero di punti.

Scopa.

Tra i giochi di carte più popolari troviamo la scopa. Si gioca in 2, in 3, o in 4. il mazziere distribuisce 3 carte coperte a ciascun giocatore lasciandone 4 al centro, scoperte. I giocatori giocano tutte le carte fino ad esaurimento e si va avanti così fino alla fine del mazzo. Lo scopo è quello di prendere carte che sommate arrivino ad un pari valore delle carte che si hanno in mano. Colui che riesce a prendere tutte le carte presenti sul tavolo fa ‘’scopa’’, parola che sta ad emulare il gesto di spazzare via tutto quanto come con una scopa. Le combinazioni sono numerose, e si può, con una carta di un certo valore, prendere due o più carte tramite una somma, ma se sul tavolo vi è una sola carta che corrisponde direttamente al valore di quella del giocatore, per esempio un 8, quest’ultimo è tenuto a prendere quella. Tutte le carte presenti nel mucchio vengono prese dal giocatore che ha giocato l’ultima mano al termine della partita. Più scope si realizzano più chiaramente il punteggio sale.

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24