Tag Archives: memorie della shoah

KLARA POLZL HITLER LA MADRE DEL PIU’ TERRIBILE DITTATORE DELLA STORIA

Nata nel villaggio austriaco di Spital, il 12 Agosto del 1860, era figlia di Johann Pölzl e Johanna Hiedler. Vi è tuttora una controversia tra gli storici riguardo alla possibilità che il nonno Johann Nepomuk Hiedler oppure il fratello di lui, Johann Georg Hiedler, fosse il padre biologico del futuro marito di Klara, Alois. In …

Leggi tutto »

L’AQUILA – CARLO CONFALONIERI L’ARCIVESCOVO CHE SALVO GLI EBREI

L’ordine dell’arcivescovo Confalonieri ai parroci risuono’ come una luce limpida nelle tenebre “…Trasferire in segreto all’Aquila tutti gli ebrei sfuggiti alla retata del ghetto di Roma e tutti coloro che sono nei monasteri o nei conventi del reatino”. Questo l’ordine perentorio ed accorato che diede il 16 ottobre del 1943 …

Leggi tutto »

IL SOLDATO ABRUZZESE CADUTO E SEPOLTO A LADELUND, DURANTE LA SECONDA GUERRA MONDIALE

La  seconda guerra mondiale, come purtroppo tutte le guerre, ha evidenziato enormi crudeltà, la nullità dell’essere umano. Molti i campi di morte in tuta Europa nella seconda guerra mondiale. Nel nord della Germania tra Flensburg e Sylt, vicino al confine con la Danimarca, si trova il paese di Ladelund. Per moltissimi …

Leggi tutto »

1 SETTEMBRE 1939 – HITLER INVADE LA POLONIA, L’INIZIO DELLA SECONDA GUERRA MONDIALE

Alle 4,45 del mattino dell’1 Settembre del 1939, la nave da guerra tedesca “Schleswig Holstein” apriva il fuoco contro la guarnigione polacca del forte Westerplatte, presso Danzica. Era l’inizio della seconda guerra mondiale. Nonostante la iniziale riluttanza dei generali tedeschi, Hitler volle a tutti i costi la guerra-lampo. Poteva contare …

Leggi tutto »

GIORGIO PERLASCA – UN EROE ITALIANO

Giorgio Perlasca (Como, 31 gennaio 1910 – Padova, 15 agosto 1992) è stato un funzionario, filantropo e commerciante italiano. Nell’inverno del 1944, nel corso della seconda guerra mondiale, fingendosi Console generale spagnolo salvò la vita di oltre cinquemila ebreiungheresi strappandoli alla deportazione nazista e alla Shoah.Figlio di Teresa Sartorelli e di Carlo Perlasca, ancora bambino si trasferì con la famiglia a Maserà, in provincia di Padova, per seguire il padre trasferitocisi per motivi di …

Leggi tutto »