Come essere primi su Google: creare un sito in ottica SEO, tutto quello che devi sapere


Essere primi su Google non è semplice, per riuscirci è necessario che il proprio sito internet sia correttamente ottimizzato ed indicizzato in chiave SEO. SEO, che cos’è? Forse non ne hai mai sentito parlare, ma il SEO, che vuol dire Search Engine Optimization, è essenziale per far sì che il proprio sito web risulti nelle prime voci di ricerca all’interno dei più importanti motori di ricerca come Google, Virgilio, Bing e altri.

La SEO, riunisce l’insieme delle operazione atte a preformare la ricerca della pagina internet all’interno dei motori di ricerca. Ma quali sono queste operazioni? Sono molteplici, e tutte cooperano al raggiungimento del medesimo obbiettivo, ottenere un punteggio migliore e salire in graduatoria su Google ed essere primi su Google (scopri di più sul dsito di Gianpaolo Antonante), rispetto alle parole immesse nel campo di ricerca.

Per questo è essenziale che il sito internet sia strutturato seguendo un’ottica SEO ed elementi come, struttura e architettura del sito internet, struttura degli articoli presenti all’interno, formattazione HTML, utilizzo appropriata di keyword e linkbuilding, che insieme sono la base per ottenere un risultato che sia soddisfacente per l’algoritmo di Google.

Bisogna considerare che l’algoritmo di Google è il lettore più importante se si ha un sito web, solo che la sua lettura non si basa sui contenuti e sul valore aggiunto dei servizi offerti (tutti aspetti importanti perché sono alla base della fruizione del pubblico reale); diversamente l’algoritmo di Google va interpretato come un utente che ha bisogno di strutture predeterminate ed articolate secondo il SEO.

Entrambi gli aspetti sono molto importanti: se non si è correttamente visualizzati sui motori di ricerca, si rischia che i potenziali utenti non aprano la pagina web, con il pericolo che gli sforzi, per ottenere servizi e contenuti di un certo spessore, siano inutili; allo stesso tempo, se si è primi su Google, ma i contenuti mancano di originalità e di valore aggiunto, l’utente, dopo aver aperto la pagina, molto probabilmente uscirà un attimo dopo.

Tutti i segreti ed i consigli per essere primi su Google

Tanti gli strumenti e le operazioni SEO che si possono applicare nel proprio sito internet, affinché risulti ottimizzato per Google. Per far sì che la propria pagina internet scali velocemente la classifica nella ricerca di Google, bisogna fare particolare attenzione alla struttura del sito web, e che i contenuti scritti e gli articoli della sezione blog o news, presentino certi aspetti fondamentali. In generale, l’algoritmo di Google predilige dei siti internet strutturati con una composizione precisa e lineare. Il testo utilizzato per comporre il sito internet, ed i contenuti scritti, sono la chiave per essere trovati più facilmente dai motori di ricerca. Per migliorare l’indicizzazione SEO, e diventare primi su Google è necessario che gli articoli seguano questi aspetti:

  • Struttura con formattazione HTML: inserire i titoli h1, h2, h3, h4, i paragrafi, la e formattazione grassetto e corsivo, nel modo corretto;
  • Utilizzare delle parole il più possibile inerenti al tema cardine e che girino intorno alla parola chiave principale: se uscire fuori tema ed approfondire i contenuti è un’arma vincente per i lettori reali, diversamente, l’algoritmo di Google vuole trovare all’interno del testo certe keywords ripetute con una certa frequenza;
  • Trovare le corrette keywords primarie e secondarie da utilizzare all’interno del testo (si possono utilizzare alcuni software che riescono a facilitare il lavoro, come Keyword.io);
  • Scegliere le immagini più consoni al tema e alla ricerca in questione;
  • Scrivere testi originali, con contenuti unici:
  • Usare gli anchor text ed il linkbuilding;
  • Utilizzare strumenti come il Meta description, il Permalink ed il Tag Title, che insieme aiutano a creare una struttura più pulita del testo, in ottica SEO.

La chiave del successo per il proprio sito internet, è riuscire a creare un contenuto che vada bene sia per il lettore, ma che al tempo stesso sia SEO-friendly.

Quali keywords utilizzare per creare testi SEO?

Per essere primi so Google, le parole chiave da utilizzare all’interno dei contenuti scritti del sito internet, devono essere scelti con attenzione, e spesso questo processo non è facile. Possono essere d’aiuto alcuni piccoli software e plugin che riescono a raccogliere i dati di ricerca di Google attraverso le query, l’insieme delle parole che vengono immesse nel campo di ricerca quando si formula una domanda su Google: uno di questi è Keyword.io.

Keyword.io: trovare le parole chiave SEO non è mai stato più semplice

Keyword.io è un software utilissimo per trovare le giuste parole chiave da utilizzare nei contenuti scritti del proprio sito internet. Le parole chiave, come detto, sono fondamentali per il SEO. Questo programma riesce, tramite analisi accurata dei vocaboli più ricercati dagli utenti, rispetto al tema di cui si sta scrivendo, a fornire le keyword da utilizzare all’interno del testo. Lo fa tramite l’analisi delle query e delle altre parole che girano intorno al tema centrale. Per essere primi su Google bisogna trovare le parole chiave giuste ed utilizzarle all’interno di testi scritti con una struttura bene determinata e lineare; solo così si può riuscire a raggiungere le prime posizioni sui motori di ricerca.

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24