LA MAJELLA COME IL MONTE RUSHMORE. UNA SCULTURA NELLA ROCCIA


antonio di campli scultore
Lo scultore Antonio Di Campli e il sindaco Levino Di Placido durante l’inaugurazione dell’opera.

PENNAPIEDIMONTE – L’Abruzzo sembra interessata a far concorrenza al Dakota del Sud. Infatti, al celebre monumento nazionale scavato nel Monte Rushmore che ritrae i volti dei presidenti Washington, Lincoln, Jefferson e Roosevelt, risponde con una straordinaria scultura scavata nella pietra ad opera dell’artista Antonio Di Campli.

Un omaggio all’Arte ma prima di ogni cosa ad una tradizione secolare della nostra terra, la transumanza, e che nasce proprio sull’antico percorso dei pastori che conducevano le loro greggi a Foggia. Un’opera interamente dedicata alla pastorizia della Majella e, in particolare, al pastore Domenico Di Bello.

L’obiettivo è lo stesso che si prefissò il Dakota del Sud: attirare turisti creando un percorso attraverso le opere a parete scolpite nella pietra, per promuovere la bellezza di luoghi magici e caratteristici dell’Abruzzo. Un valore aggiunto, quello delle opere di Di Campli, ad un luogo che già la Natura ha reso meraviglioso, sullo stesso tragitto dei pastori e davanti ad un panorama mozzafiato, che nulla ha da invidiare a quello che i volti dei quattro presidenti più amati dagli americani guardano da quasi ottant’anni.

Un’opportunità economica per il territorio ma anche la possibilità per conoscere storie incantevoli e fuori dal tempo, a testimonianza del duro lavoro di chi è vissuto in quei luoghi prima di noi, e valorizzando un patrimonio prezioso di sapere e conoscenza ereditato dai nostri avi.

Commenti Facebook

About Alina Di Mattia

Alina Di Mattia
Autrice, conduttrice e responsabile produzione di grandi eventi istituzionali. All'attività artistica e manageriale ha affiancato quella di scrittrice freelance. Si è occupata spesso di tematiche sociali ed ha all'attivo alcune pubblicazioni tra cui il saggio "Erano gli anni della TV dei ragazzi". Nel 2018 ha ricevuto due prestigiosi premi giornalistici nazionali e tre riconoscimenti letterari.