“13 GENNAIO 1915, PER NON DIMENTICARE”: A LUCO DEI MARSI TRA STORIA E MEMORIA CON L’ASSOCIAZIONE MUSICALE HESPERION E L’ISTITUZIONE MUSICALE ABRUZZESE


A Luco dei Marsi il concerto per commemorare le oltre trentamila vittime del terribile sisma che, all’alba del 13 gennaio 1915, rase al suolo la Marsica e cambiò per sempre la fisionomia del territorio e la storia delle comunità che a esso appartengono. Organizzato e proposto dall’Associazione Musicale Italiana Hesperion, in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio della provincia dell’Aquila e con  il Comune di Luco Dei Marsi, l’evento “Per non dimenticare il sisma del 1915” si terrà nella chiesa di san Giovanni Battista, in piazza Umberto I a Luco dei Marsi, sabato 12 gennaio, alle ore 18.

Il concerto sarà a cura dell’Orchestra da Camera dell’ IMA – Istituzione Musicale Abruzzese –  organico composto da valenti e affermati musicisti di comprovata bravura, diretto dal M° Francesco Fina, affermato e stimatissimo artista e Docente, con le soliste Luvi Gallese, violino, e Lorena Lepidi, soprano. Il Maestro Fina ha voluto omaggiare Luco dei Marsi, suo paese d’origine, del concerto finanziato dalla Fondazione Carispaq. L’evento si dipanerà attraverso un ideale intreccio tra note e testi: articoli dell’epoca, corrispondenze e atti ufficiali aiuteranno a ripercorrere gli avvenimenti  accaduti a Luco dei Marsi nei giorni del sisma.

“Ringrazio vivamente il M° Fina per l’attenzione e la sensibilità sempre dimostrata nei confronti del nostro paese”, ha sottolineato la sindaca Marivera De Rosa, “ É un contributo di grande valore artistico e simbolico che, con la grande musica, ci donerà momenti di riflessione e condivisione su un tema tanto importante. Un ringraziamento alla Fondazione Carispaq, sempre presente nel valorizzare e promuovere iniziative culturali di grande caratura. Invito tutti a non mancare”.

L’Istituzione Musicale Abruzzese riunisce artisti che provengono da aree musicali diverse e collaborano per realizzare progetti nei più svariati settori artistici, soprattutto con l’intento di contribuire alla diffusione della cultura musicale e all’ascolto di vari generi musicali. L’Istituzione Musicale Abruzzese ha formato al suo interno l’Orchestra da camera IMA. la cui varietà dell’organico le consente l’approccio per partiture di spessore strumentale diverso, affrontate con il medesimo rigore interpretativo per poter avvicinare anche quel tipo di pubblico assolutamente profano. In questa ottica è stato ideato un programma di musiche appartenente al repertorio Classico e Natalizio.

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24