“Ariel a Castello”: d’Annunzio e il legame privilegiato con Casoli nei libri di Antonello Masciantonio e Salvatore Copertino


 

Casoli (CH). Sabato 12 agosto, in attesa della terza edizione del Festival Dannunziano “Ariel a Castello” che si svolgerà dal 17 al 19 agosto, il Comune e l’Assessorato alla Cultura punteranno i riflettori sui rapporti tra il Vate e la realtà casolana nell’ultimo degli appuntamenti fuori programma della manifestazione.

Alle ore 19 il professor Antonello Masciantonio, autore del libro Gabriele d’Annunzio e Donna Lilia Patamia, parlerà, in un incontro condotto da Enrico Di Carlo nello splendido Castello Ducale, del carteggio quasi trentennale (1905-1930) tra il Poeta e Donna Lilia Patamia, compagna di una vita dell’“Caro Pascal”.
Il carteggio, in possesso del collezionista Giovanni Maria Staffieri e pubblicato quest’anno dalla Ianieri Edizioni, è composto da 41 lettere, 57 telegrammi, 4 cartoline postali, un biglietto di Pasquale Masciantonio a d’Annunzio, una fotografia con dedica alla Patamia e un telegramma, già pubblicato, di d’Annunzio a Masciantonio.
Il professor Antonello Masciantonio, conoscitore privilegiato di fatti e accadimenti casolani, rende il lettore partecipe del legame tra d’Annunzio e l’On. Pasquale Masciantonio attraverso una testimonianza indiretta – il rapporto tra la nobildonna, compagna del Masciantonio, e il Poeta stesso –, negli anni tormentati e intensi caratterizzati dalle relazioni di d’Annunzio con Alessandra di Rudinì (Nike), Giuseppina Mancini (Giusini), Lina Cavaliere, dalle disavventure finanziarie, dall’esilio francese, dal periodo bellico e infine dalla vita nella dorata dimora del Vittoriale.

Nello stesso pomeriggio del 12 agosto, al Castello Ducale si svolgeranno altri due eventi: alle ore 17 verranno assegnate le borse di studio agli alunni meritevoli della locale Scuola Media “G. De Petra” nell’ambito del Premio “Antonino Di Giorgio” – Di Giorgio, nato a Casoli nel 1928 e morto a Lanciano nel 2000, è stato intellettuale di spicco della cultura abruzzese, scrittore apprezzato da quanti lo hanno letto nei circuiti editoriali in cui la sua opera è stata pubblicata.

A seguire, alle ore 18, la presentazione del libro La Teatinità di Gabriele d’Annunzio di Salvatore Copertino. Condurrà l’incontro Manolo Di Prinzio.
Copertino, ex fotografo della Soprintendenza Archeologica d’Abruzzo, ha raccolto una documentazione fotografica dei luoghi e dei personaggi legati al Vate. Di d’Annunzio scrive: “di tanto in tanto, frequentava per breve tempo i luoghi più belli della provincia di Chieti, a lui molto cari per l’ospitalità e per i tanti amici. Fra questi, Casoli; Gabriele era ospite abituale del Castello Ducale dalla suggestiva bellezza”. Durante i suoi soggiorni, d’Annunzio era solito trasformare la dimora casolana in un “cenacolo di montagna”, animato dalla presenza di illustri personaggi quali Scarfoglio, Barbella, Franchetti e Pascal Masciantonio.

A fine serata sarà possibile gustare piatti tipici della tradizione abruzzese al costo di 5 euro. Per info e prenotazioni: Menina Belfatto 328 587 8283.

 

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24

Potrebbe interessarti:

Al via il piano Regione-Cea-Comuni per progetti di educazione ambientale nelle scuole

Giunge a compimento la procedura amministrativa avviata oltre un anno fa e relativa all’ennesima iniziativa …