Arrestato un esponente del narcotraffico, ha tentato di fuggire nei pressi del casello Aielli -Celano


Più di 58 kg di hascisc, sono stati sequestrati nell’ambito di un operazione dei carabinieri di Trevi e quelli della compagnia di Foligno, che hanno portato all’arresto due cittadini nordafricani. 
Un ingente quantitativo che avrebbe portato sul mercato del consumo di droga oltre 200 mila dosi per un ricavato di circa un milione e mezzo di euro. Un lavoro certosino quello condotto dagli uomini dell’Arma, i quali sono convinti di aver assestato un duro colpo al traffico di hascisc tra Umbra e Abruzzo.

 I carabinieri di Foligno sono ricuciti ad intercettare il nordafricano, che viaggiava a forte velocità sulla sua Audi A4  sull’autostrada A24 nei pressi del casello di Celano. Il marocchino, vistosi alle strette con i carabinieri che lo stavano per bloccare, ha pensato bene di lanciare l’auto  contro  la sbarra dell’uscita del casello finendo contro l’auto dei militari, che è stata letteralmente spostata nel forte impatto.

 L’extracomunitario è fuggito a piedi nei campi adiacenti l’ingresso della A24,  i carabinieri hanno trovato dentro la sua auto 45,5 chili di hascisc in panetti da 100 grammi, risultati essere confezionati nell’identico modo di quelli sequestrati a Trevi e Magione.

La procura di Avezzano, a seguito delle indagini, ha emesso una ordinanza di custodia cautelare in carcere il marocchino infatti è stato arrestato dopo essere stato rintracciato dai carabinieri di Foligno sul litorale abruzzese dove era con la famiglia. 

I militari hanno evidenziato che, notando lo stile di vita del magrebino, pensano si possa trattare di un personaggio importante nel mondo dello spaccio, non un semplice corriere, ma uno di quelli capaci di muovere quantitativi importanti.  

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24