Avezzano. Sindaco in visita all’ospedale


Rifacimento della pista dell’elisoccorso, realizzazione di una terza sala travaglio, riapertura a breve del centro trasfusionale, potenziamento della Rete emergenza-urgenza e servizi d’eccellenza,  come stroke-unit e chirurgia vascolare, punte di diamante di un patrimonio sanitario importante per tutta la Marsica. Temi che sono stati il filo conduttore della visita del sindaco di Avezzano, Giovanni Di Pangrazio, all’ospedale di Avezzano, accompagnato dal Manager Asl Rinaldo Tordera, svoltasi questa mattina. E’ stata l’occasione per consolidare, tra primo cittadino e il numero uno dell’azienda sanitaria, il rapporto di proficua collaborazione, avviato nelle settimane scorse, con la visita del manager al Comune di Avezzano. Un’azione sinergica per rafforzare l’offerta  dei servizi sanitari sul territorio a favore dei cittadini su un comprensorio molto ampio. Alla presenza, tra gli altri del direttore sanitario aziendale, Teresa Colizza, sindaco e manager Asl hanno visitato, accompagnati dal direttore sanitario di presidio, Lora Cipollone, i reparti di Obi (osservazione breve), pronto soccorso, rianimazione, geriatria, neurologia, endoscopia e ostetricia, al cospetto dei singoli direttori delle varie unità operative.

“L’ospedale di Avezzano”, ha detto il sindaco Di Pangrazio, “conta  indiscutibili eccellenze attorno alle quali occorre consolidare altri servizi già importanti. In particolare, è necessario porre attenzione alla  Rete emergenza-urgenza e quindi a quelle attività salva-vita come emodinamica e stroke-unit.  Alla guida della Asl 1 c’è un Manager di indiscussa competenza come Tordera che  interpreta il suo nuovo incarico, molto complesso per i tanti nodi da affrontare, con grande  disponibilità e passione. E proprio la passione per il proprio lavoro, nell’ottica di una crescita di tutto l’ospedale, dovrebbe essere alla base del lavoro dei singoli reparti, con la figura del primario a far da traino decisivo verso l’eccellenza delle prestazioni. I responsabili dei reparti hanno infatti il compito di coinvolgere e di stimolare al meglio i propri collaboratori e di lavorare con unità d’’intenti”. Da parte sua il Manager Tordera ha detto che è in cantiere, tra le altre cose,  il progetto per l’adeguamento della piazzola di atterraggio dell’elisoccorso. “Ci stiano lavorando”, ha detto, “perché le attività legate al soccorso sono estremamente importanti prima di tutto per i trattamenti e per l’accoglienza dei pazienti e poi per la stessa immagine dell’ospedale”. La direzione Asl, inoltre, sta lavorando sul piano per la realizzazione di una terza sala travaglio e per migliorare la logistica dell’ostetricia. Tordera ha poi ribadito un passaggio. “La Asl 1”, ha detto, “va considerata non come comprensori staccati l’uno dall’altro ma come un tutt’uno complessivo e noi dobbiamo essere in grado dare la stessa capacità di risposta e a tutte le aree dell’ambito provinciale”

Tra vari reparti al top del presidio, c’è di sicuro la stroke unit, all’interno di Neurologia, che è ormai la prima in regione: nel 2015  ha effettuato 76 trombolisi, trattamenti per l’ictus cerebrale.

Era  presente alla visita in ospedale il consigliere Nicola Pisegna Orlando che coordina un gruppo di lavoro che, all’interno del Comune, si occupa delle problematiche della sanità.

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24