LECCE, LA RISPOSTA DEL SINDACO ALLA MINORANZA


lecceLECCE NEI MARSI. Non si è fatta attendere la risposta del sindaco di Lecce Gianluca De Angelis che controbatte alle accuse mosse dalla minoranza qualche giorno fa. “La registrazione non è prevista dal nostro regolamento. Non ho nessun problema ad autorizzarla, a patto però che si metta prima mano al regolamento comunale e senza violare le leggi sulla privacy. Ribadisco che non avrei nessun tipo di problema  ad autorizzarla.  Affermare però che a Lecce Nei Marsi è morta la democrazia suona un pò ridicolo! Per ciò che concerne lo scioglimento delle convenzioni, la scelta non è stata unilaterale, al contrario è stata  concordata con i Sindaci di Gioia e di Ortucchio ed è maturata a seguito di  alcuni problemi verificatisi  nell’espletamento di alcune funzioni. Un clamore quindi inutile e pretestuoso visto che lo scioglimento è frutto di un’intesa con altri due sindaci.  Altri amministratori  lo hanno fatto prima di noi e non mi sembra che si sia obiettato alcunchè.  In tutta questa storia” continua De Angelis “c’è un aspetto che sorprende:  il consiglio comunale di giovedì 25 febbraio aveva un punto all’ordine del giorno importantissimo, ossia l’approvazione del bando  per l’affidamento della struttura comunale residenziale per anziani (ex Villa Gaia).  Le ricadute per il nostro paese saranno sicuramente positive  sia dal punto di vista del bilancio comunale che da quello occupazionale. Ebbene, i  nostri consiglieri di minoranza sono stati ion grado  di votare  contro l’approvazione del bando, il che la dice lunga sull’attaccamento mostarto nei confronti del paese. Auspico” conclude il sindaco ” che  l’opposizione inizierà ad essere inytesa come strumento costruttivo e mi auguro che la presenza in consiglio non sarà subordinata solo a determinati temi   tanto “cari” ad alcuni  consiglieri.”

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24