Meteo. Freddo intenso domenica, migliora martedì. Che tempo farà a Capodanno 2020


Meteo. Le correnti d’aria fredda di origine artica (di Grecale) provenienti dai Balcani, continueranno a soffiare tese anche per quanto riguarda la giornata di domenica. Nella sera/notte tra sabato e domenica, ci sarà ancora la possibilità dello sviluppo, per stau appenninico, di nubi con associati isolati rovesci di neve fino a quote molto basse, in spostamento, in un contesto variabile sulla Marsica, ove non dovrebbe mancare qualche spruzzata di neve al mattino anche sui settori occidentali con gli accumuli più consistenti sui settori orientali (inclusa la Marsica), seppur saranno deboli nevicate alternate a schiarite. Dopo l’alternanza tra le nuvole e il Sole e il freddo a tratti anche intenso di domenica, lunedì le condizioni meteorologiche inizieranno a migliorare e il vento girerà in secca Tramontana, al suo attenuarsi, rendendo le temperature, specie le minime, basse o rigide invernali. La giornata di San Silvestro sarà soleggiata e la notte stellata e vedrà una completa attenuazione del vento. L’attenuarsi del flusso freddo e il rinforzo dell’Anticiclone delle Azzorre, dunque, permetterà alle temperature massime di risalire su valori meno invernali e più miti, le minime della sera, della notte e del primo mattino del primo Gennaio 2020 saranno invece al di sotto dello zero. Il primo Gennaio, sarà una giornata soleggiata su tutta la penisola , salvo il vento freddo da nord-est sui settori adriatici e meridionali. L’alta pressione ci proteggerà dalle perturbazioni fino alla vigilia dell’Epifania, dando luogo a condizioni di tempo stabile e soleggiato.

Che cosa potrebbe accadere a venire?

Meteo ipotesi a lungo termine. Dopo il temporaneo rinforzo dell’Anticiclone delle Azzorre da ovest che avverrà all’inizio di Gennaio 2020, salvo le infiltrazioni d’aria fredda da est tramite le correnti asciutte e fredde da est/nord-est sulle regioni adriatiche del Centro/Sud, il quale ripristinerà condizioni meteorologiche soleggiate fino alla vigilia dell’Epifania, secondo un’ipotesi ad ora ancora improbabile, l’Anticiclone delle Azzorre potrebbe spingersi, entro sabato 11 e domenica 12 Gennaio 2020, a mo’ di promontorio fino al Nord Atlantico, raggiungendo le Isole Britanniche, in questo modo su tutta la nostra penisola e fino all’Europa centro-occidentale, potrebbe affluire una massa d’aria molto fredda di origine artica che nutrirebbe un vortice di bassa pressione responsabile delle nevicate fino a bassa quota. Tuttavia, non è possibile delineare dove e quando ci saranno precipitazioni alla fine della prima decade di Gennaio 2020 (ne riparleremo) ma sappiamo che, questo primo afflusso d’aria fredda di matrice artica-continentale che stiamo vivendo in tale periodo prima di Capodanno (28-29-30 Dicembre 2019), è il primo assaggio di questa stagione invernale oramai inoltrata. 

Grazie e Buon Anno nuovo.

rc

Commenti Facebook

About Riccardo Cicchetti

Riccardo Cicchetti
Riccardo Cicchetti è nato ad Avezzano il 24/06/1994 e si appassiona di giornalismo e di Meteorologia. Ha iniziato il suo percorso all’Università degli Studi dell’Aquila e si è laureato in Filosofia e Teoria dei Processi Comunicativi. A partire da Maggio 2016 ha avviato la sua collaborazione con il quotidiano online Ilfaro24 come giornalista meteorologico principiante e divulgatore scientifico.