Meteo. Ieri burrascoso fronte temporalesco sul versante adriatico. Dopo il Maestrale, caldo intenso in arrivo


Meteo. Ci aspettavamo una giornata movimentata dal punto di vista meteorologico lungo il versante adriatico e ciò si è verificato proprio ieri, agli esordi del fine settimana. L’intensa perturbazione atlantica che ha interessato il Nord Italia si è infatti spostata sotto forma di fronte freddo lungo il versante adriatico della penisola, raggiungendo anche parte delle Marche ma soprattutto Abruzzo, Molise e Puglia. Sono numerose le immagini che ci giungono dalle province di Teramo, Pescara, Termoli e Foggia. Ieri sera un sistema temporalesco si è intensificato una volta che l’aria più fredda si è incuneata al di sotto dell’aria calda presente sulla superficie marina più calda e in questo modo si è formata una vasta supercella temporalesca, dotata di violente correnti ascensionali e discensionali in rotazione all’interno della tempesta.

Supercella temporalesca con Shelf Cloud – Foto di Nazario Tucciano scattata a San Nicandro garganico (Fg) – Pagina Facebook “Tornado in Italia”.


La corrente discensionale si è rovesciata sulla superficie fuoriuscendo dalla base della nube temporalesca e si è aperta al suolo a ventaglio (downburst) generando un “gust front”, un’area al suolo in prossimità o davanti alla nube temporalesca caratterizzata da raffiche di vento che possono superare i 100/130 km/h, arrecando danni simili ad un Tornado, in tale caso sradicando ombrelloni, scoperchiando tetti e sollevando oggetti che possono diventare detriti pericolosi anche quando si tratta dei rami degli alberi e delle tegole. Il “gust front” ha sollevato l’aria calda e umida preesistente in loco, per questo la condensazione di quest’ultima ha innescato una nube a capo della supercella, ossia una nube a mensola o “Shelf Cloud” visibile delle fotografie.

Il Gust Front o raffiche di vento discendenti
di un temporale. Fonte immagine: InMeteo.net
Foto di Abruzzo Meteo acquisita da Monte
Silvano in Abruzzo dal Meteorologo Giovanni De Palma

Dopo un fine settimana a tratti variabile sui settori adriatici e di fresco e asciutto Maestrale sul resto della nostra penisola, ci sarà una forte ondata di caldo nord-africano che colpirà soprattutto le regioni meridionali e centrali facendo innalzare le temperature sia massime che minime su valori pienamente estivi e al di sopra della media stagionale, compresi tra i 35/38 gradi centigradi per quando riguarda le temperature massime.

L’enorme supercella temporalesca è identificabile nella seconda immagine sottostante presa dal satellite come un “un nido d’api” proprio perché dotata di un mesociclone, ossia di una bassa pressione interna che le conferisce rotazione. L’immagine è stata acquisita ieri sera, mentre vediamo il violento sistema temporalesco spostarsi sul mare sfiorando le coste di Abruzzo e Molise, mentre tende a muoversi verso la Puglia settentrionale o garganica.

Termoli (Molise) – Foto pubblicata da Gilbert
De Gregorio sulla pagina Facebook
“Appassionati di Meteorologia”
Fonte immagine satellitare: Meteo One/Meteosat.it

Grazie e al prossimo aggiornamento meteo.

rc

Commenti Facebook

About Riccardo Cicchetti

Riccardo Cicchetti
Riccardo Cicchetti è nato ad Avezzano il 24/06/1994 e si appassiona di giornalismo e di Meteorologia. Ha iniziato il suo percorso all’Università degli Studi dell’Aquila e si è laureato in Filosofia e Teoria dei Processi Comunicativi. A partire da Maggio 2016 ha avviato la sua collaborazione con il quotidiano online Ilfaro24 come giornalista meteorologico principiante e divulgatore scientifico.