Meteo. L’utopia di un Inverno che non c’è: soleggiato e nubi in transito a venire. Correnti fredde e secche alla Befana, poi migliora


Meteo. Un’area di alta pressione di matrice Subtropicale, continuerà a proteggerci dalle intense perturbazioni, garantendo tempo stabile e soleggiato e le masse d’aria molto fredda di origine polare-continentale, interesseranno temporaneamente l’Europa orientale. L’Anticiclone delle Azzorre, infatti, salvo le infiltrazioni umide e moderatamente instabili coadiuvate da una goccia fredda di origine atlantica che favoriranno nuvolosità in transito sui settori occidentali e sulla Sardegna con anche qualche rovescio di pioggia, si rinforzerà subito dopo l’Epifania. Il giorno 6 Gennaio, infatti, il cedimento della propaggine legata all’Anticiclone delle Azzorre sui settori adriatici centro/meridionali e sul settore ionico, consentirà l’ingresso di correnti d’aria fredda da est/nord-est provenienti dai Balcani e di origine polare-continentale, in direzione della Grecia, ove si innescherà una fase di maltempo di stampo invernale. Mentre sul resto dell’Italia, il tempo sarà stabile e soleggiato, eccetto deboli nevicate e vento forte lungo il versante orientale dell’Appennino centro-meridionale ma con tempo in miglioramento. A partire dal 7 Gennaio, la componente nord-africana dell’Anticiclone delle Azzorre piegherà verso l’Italia e l’intera Europa centro-orientale, garantendo assenza di precipitazioni sia piovose che nevose sull’intera penisola e su gran parte del territorio europeo centro/orientale. Nella notte della Befana e nelle notti e al primo mattino delle giornate a seguire, le temperature minime si abbasseranno al di sotto dello zero con le inversioni termiche dovute al ristagno dell’aria fredda nei bassi strati, specie nelle valli e nelle conche. Le nebbie si formeranno nelle valli e nelle pianure del Centro-Nord del nostro stivale, nelle ore mattutine e le ore più miti del giorno tenderanno a dissolverle lasciando spazio al tempo soleggiato. Le temperature massime e minime saranno in diminuzione il giorno dell’Epifania su tutta la nostra regione Abruzzo e sui settori centrali e meridionali, a causa dei venti tesi nord-orientali, di Grecale e di Tramontana, i quali acuiranno la sensazione di freddo in caso di forte vento (Wind Chill). Già da martedì 7, i venti tenderanno ad attenuarsi e si aprirà una nuova fase di tempo soleggiato e temperature massime miti che potrebbe durare fino al fine settimana, in attesa dei grandi scossoni invernali che, fino ad ora, non sembrano avvenire a causa della compattezza del Vortice Polare. Il Vortice Polare, in questo modo, si sposta verso il Canada e dli Stati Uniti nord-orientali dando luogo, su di essi, a forti ondate di gelo e neve di origine artica. L’Anticiclone, invece, sarà più invadente sul nostro comparto euro-mediterraneo, mediante l’insediarsi di aree di bassa pressione di natura nord-atlantica sull’Europa occidentale. È l’utopia di un Inverno assente su buona parte d’Europa e d’Italia.

Grazie e buona fine delle festività.

rc

Commenti Facebook

About Riccardo Cicchetti

Riccardo Cicchetti
Riccardo Cicchetti è nato ad Avezzano il 24/06/1994 e si appassiona di giornalismo e di Meteorologia. Ha iniziato il suo percorso all’Università degli Studi dell’Aquila e si è laureato in Filosofia e Teoria dei Processi Comunicativi. A partire da Maggio 2016 ha avviato la sua collaborazione con il quotidiano online Ilfaro24 come giornalista meteorologico principiante e divulgatore scientifico.