Piscina Comunale Avezzano, Lucarelli: "Bicchiere mezzo pieno, ristabilita la regolarità"


Al termine della gara per l’affidamento della gestione della piscina comunale di Borgo Pineta ad Avezzano, la stessa è stata assegnata alla società Centro Italia Nuoto che fa capo a Fabio Conti, allenatore del setterosa. 199,5 i punti totalizzati dal Cin mentre l’unica contendente, l’associazione di aziende tra Pinguino, Metrò e La Pineta, ha totalizzato 152,5 punti.

La Commissione giudicatrice del bando era composta dall’ingegner Francesco Di Stefano, dalla dottoressa Maria Laura Ottavi, dall’architetto Francesco Ruscitti e dall’ingegnere Vito Pacchiarotta.

C’è anche l’ipotesi ricorso: sembra infatti che il 2 novembre, molto tempo dopo la presentazione delle offerte e a pochi giorni dall’apertura alle buste, il Centro Italia Nuoto abbia fatto un’integrazione alla documentazione presentata. Si tratterebbe della polizza per il deposito cauzionale, che riportava una somma decisamente più bassa, ma questa integrazione, secondo l’associazione di imprese, potrebbe essere già di per sé motivo di esclusione.

A tal proposito abbiamo intervistato Alessandro Lucarelli, meglio conosciuto ai nostri lettori come ex allenatore dell’Avezzano Calcio, ma titolare della palestra Metrò e partecipante al bando insieme a Pinguino e La Pineta tramite la formula dell’associazione di imprese.

Mister, come giudica l’esito della gara?

Personalmente vedo il bicchiere mezzo pieno. E’ vero, non abbiamo ottenuto l’affidamento della piscina ma sono contento che sia arrivata un’aggiudicazione in maniera ufficiale. Finalmente c’è stata una gara e chi usufruirà della piscina pagherà al Comune di Avezzano un affitto congruo (36mila euro annui) e verranno fatti dei lavori per l’importo di 299mila euro per riqualificare l’impianto.

Cosa cambierà nella gestione degli impianti comunali?

Da cittadino avezzanese sono soddisfatto perché grazie al nostro lavoro si è ristabilito un regime di equità. Cambia che da oggi nulla sarà più come prima e mi auguro che quella della piscina comunale sia l’occasione per rimettere a norma tutte le situazioni riguardanti gli impianti sportivi di Avezzano e della Marsica. Si è ristabilito un regime di concorrenza leale e mi auguro sia solamente una prima fase di regolamentazione di tutti gli impianti.

C’è qualche rammarico per non aver vinto la gara?

Il rammarico c’è perché da avezzanesi e marsicani avremmo potuto portare l’esempio dell’eccellenza nostrana. Abbiamo perso l’occasione per dimostrare che anche imprenditori marsicani sono in grado di gestire in maniera professionale un impianto come quello di Borgo Pineta, dato che i nuovi gestori provengono da fuori regione. Tuttavia mi auguro che la piscina venga utilizzata per ciò che la contraddistingue ossia l’attività nuoto e non per altre finalità.

Si è parlato di un eventuale ricorso. Pensate di presentarlo?

Ne stiamo parlando, ancora non lo abbiamo deciso. Tuttavia ribadisco di essere contento, da cittadino, perché mi auguro che tutto questo sia servito al benessere comune. L’Assessore allo sport Amatilli mi ha già chiesto un incontro per dare manforte alla riorganizzazione degli impianti e sono felice di poter dare il mio contributo.

 

Fonte MarsicaSportiva.it

 

 

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24