Porto Pescara, Comune e Regione al lavoro per il completamento dell’iter del Piano Regolatore Portuale


 

Risposta della maggioranza comunale pescarese alle accuse provenienti dal centro-destra in merito alla questione porto: “Come sempre condividiamo le preoccupazioni del capogruppo di Forza Italia alla Regione Lorenzo Sospiri in merito al destino del porto di Pescara e in special modo sulla procedura del Piano Regolatore Portuale. Non possiamo non evidenziare, che la stessa sconta una lunga sonnolenza sia da parte del consigliere e che della sua maggioranza di governo quando avevano responsabilità necessarie per risolvere la questione e farlo andare avanti.

Così si ricorda, come non sfuggirà alla lunga memoria sospiriana, che in questi 20 mesi di governo regionale e comunale di centrosinistra una delle priorità affrontate è stata proprio la definizione del PRP e che, come riferisce il consigliere Sospiri, dal confronto serrato e meticoloso che abbiamo avuto col Consiglio superiore dei Lavori Pubblici, ci è stata richiesta un’integrazione relativa ad approfondimenti e implementazioni degli studi di “idraulica marina e di morfodinamica fluviale costiera” di cui il Prp è peraltro già dotato. Integrazione che ci appresteremo a fornire, una volta individuata con una procedura di evidenza pubblica la professionalità competente a fornirla, profilo che verrà scelto fra i professionisti che faranno pervenire all’Amministrazione tutte le informazioni richieste nel modello di partecipazione al bando, così come predisposto dagli uffici tecnici e scaricabile dal sito come mostra il seguente link.

http://www.comune.pescara.it/internet/index.php?codice=119&IDbando=264 . Una decisione, come detto, che nasce dalle pressanti e dettagliate richieste che i componenti tecnici del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici hanno puntualmente evidenziato come necessarie per completare l’iter del documento urbanistico portuale. E proprio per non incorrere nella possibilità di perdere quote importanti di finanziamento, come ci “ricorda” il consigliere Sospiri, fondi che la Regione Abruzzo e il suo presidente hanno voluto mettere a disposizione del porto di Pescara, che la struttura tecnica comunale ha ritenuto di dover avviare una procedura di evidenza pubblica per individuare le professionalità di cui sopra e farlo in tempi congrui, in virtù delle evidenti urgenze che lo stesso consigliere ha rappresentato nella sua nota, ma soprattutto per mantenere gli impegni assunti con la città che ha bisogno del suo porto”.

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24