ROMA, 30ENNE ITALIANA PARTORISCE IN CASA LA FIGLIA NEONATA E LA UCCIDE MASSACRANDOLA DI BOTTE: ARRESTATA PER OMICIDIO


E’ accaduto ad Acilia, periferia sud di Roma. Una donna 30enne italiana di origine svedese, dopo aver dato alla luce nella sua abitazione una splendida neonata, senza alcun motivo apparente, ha cominciato a prenderla a botte causandogli un profondo  trauma cranico che si è ,purtroppo , rivelato fatale. Infatti la piccola bambina, una volta trasportata all’ospedale Bambin Gesù in codice rosso, non ce l’ha fatta a sopravvivere. Precedentemente, quando i soccorritori sono arrivati alla casa della madre della piccola, si sono trovati di fronte una scena sconvolgente: sangue ovunque e ferite profonde sul corpo della “piccina”. Dall’accusa di tentato omicidio da parte della procura di Roma che sta indagando sulla terribile tragedia, il reato si è trasformato in omicidio volontario. La 30enne è attualmente detenuta  agli arresti domiciliari. Resta ancora da chiarire la dinamica dei fatti e i motivi delle ferite che sarebbero compatibili con delle percosse.

Commenti Facebook

About Massimo Mazzetti

Avatar