Un’altra scossa di terremoto sveglia gli aquilani


Ancora un amaro risveglio per gli abitanti de L’Aquila e dei paesi limitrofi.

L’Aquila. Un’ennesima scossa di terremoto ha sollevato stanotte gli abitanti aquilani dal loro sonno. L’entità dell’evento sismico è lieve ma in città c’è paura perché ogni vibrazione riporta subito le persone con la mente indietro di 8 anni. C’è paura, agitazione. E così anche un 2.6 può indurre la gente ad abbandonare la propria abitazione e riversarsi in strada, nelle roulotte o nelle casette di legno occupate tempo fa. Fosse successo di giorno magari nessuno ci avrebbe fatto caso, ma di notte tutto cambia.

Lo sciame sismico non vuole lasciare in pace gli abitanti di questi posti i quali, seppur testardi e coraggiosi, stanno davvero superando il limite della sopportazione. La città è ormai sotto bersaglio dal 6 aprile 2009, quando fu colpita da un 6.3. Sembrava tornata la calma ma il 24 agosto dello scorso anno il mostro si è risvegliato ed è tornato a tormentare i cittadini aquilani.

Stanotte sono stati due gli eventi sismici rilevanti: uno alle 2:07, l’altro alle 6:51, un po’ più su, ad Amatrice. Entità lievi, significati forti.

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24