CACIOFIORE AQUILANO – L’ANTICA ARTE CASEARIA


IL LATTE, IL FORMAGGIO, LA NATURA

Il caciofiore Aquilano è un formaggio fresco, molto delicato, è tradizionalmente legato alla provincia aquilana dove si è sempre utilizzato il caglio estratto dall’infusione di fiori di carciofo selvatico (Carlina acaulis). La produzione, abbandonata per circa 60 anni, è ripresa grazie alla pervicacia di un produttore di Castel del Monte (provincia dell’Aquila). Il latte intero crudo è filtrato e portato a una temperatura di 36-37 gradi (è possibile l’aggiunta di siero o lattoinnesto per migliorare l’acidificazione). Fatto coagulare unendo il caglio di carciofo selvatico, è lasciato riposare per 30-40 minuti. Si procede quindi a due rotture: più grossolana la prima, più fine (in frammenti della grandezza di un chicco di mais) la seconda. Estratta manualmente, la massa è versata nelle fiscelle che conferiscono la tipica scolpitura superficiale. Il caciofiore sgronda quindi su un tavolo inclinato per due giorni, durante i quali è sottoposto ad almeno quattro rivoltamenti. La pasta è morbida, cremosa, di colore bianco crema, priva di occhiatura. La forma ha facce di circa 13-15 cm di diametro, uno spessore di 7-8 cm e un peso di 0,5-1 kg.

Commenti Facebook

About Ivan Cicchetti

Ivan Cicchetti
Nasce a Roma nel 1978, scrittore, poeta, novellista e librettista teatrale. Nel 2008 e nel 2009 è stato responsabile della sala stampa della mostra internazionale AQUILA ANTIQUA a L'Aquila. E' stato collaboratore di diverse testate giornalistiche abruzzesi. Da Settembre 2017 collabora come giornalista con la testata IL FARO 24 NEWS