CORONAVIRUS, UN TECNICO 60ENNE HA PRANZATO CON IL PRIMO PAZIENTE 38ENNE A CODOGNO: SCATTA L’ALLARME A PESCARA


Un tecnico 60enne di Pescara, per motivi di lavoro, ha spesso mangiato e cenato con il paziente 38enne di Codogno che è malato di Coronavirus ed è, attualmente, ricoverato in gravi condizioni all’Ospedale di Pavia. L’uomo sessantenne, rientrato a Pescara venerdì scorso, ha chiamato il suo medico di base di San Giovanni Teatino ed insieme hanno deciso di chiamare il 118 che ha disposto, immediatamente, la messa in stato di quarantena. Ora, come da protocollo, viene monitorato, telefonicamente, dalla Asl di Pescara, ogni due ore. “Potenzialmente, ha dichiarato  il medico, “il paziente, che è asintomatico, potrebbe sviluppare la malattia e per questo deve rimanere in isolamento”. Il dottore ha poi anche riportato che il suo paziente, nei colloqui, gli ha reso noto che il medico di base del cosiddetto “paziente 1” di Codogno, è stato a sua volta ricoverato. Si è in attesa, quindi, di un esame specifico da parte della Asl per poter formulare una corrretta diagnosi

Commenti Facebook

About Massimo Mazzetti

Avatar